Formula 1 | GP Azerbaijan 2017, Hamilton: “Giro entusiasmante”, Bottas: “Molto deluso”

Al termine delle qualifiche sul circuito di Baku, Lewis Hamilton si è detto entusiasta del suo giro lanciato, mentre Valtteri Bottas ha dovuto mandare giù un’altra delusione

E con questa siamo a quota 66. Lewis Hamilton, con la pole position firmata oggi sul circuito cittadino di Baku, in Azerbaijan, ha superato il suo idolo Ayrton Senna e ora si trova a -2 partenze dalla prima casella dal record assoluto di Michael Schumacher (68).

Dopo il crash di Daniel Ricciardo alla curva 6 restavano solamente poco più di tre minuti per portare a termine l’impresa: sembrava che stavolta dovesse essere il turno di Valtteri Bottas, ma il finlandese non aveva fatto i conti con il suo compagno di squadra, passato poco dopo sotto la bandiera a scacchi con un tempo stratosferico più veloce di oltre 4 decimi.

Ecco, quindi, il commento del poleman azero, Lewis Hamilton: “È stato uno dei giri più entusiasmanti di tutta la stagione: avevo tanta pressione addosso perchè nel primo passaggio lanciato avevo commesso un errore, mentre nell’ultimo tentativo speravo fosse abbastanza per conquistare la prima casella. Così è stato, anche se, come al solito, ho avuto difficoltà a portare in temperatura le gomme. Ora guardiamo a domani: sarà una gara tiratissima, ma stavolta siamo nella posizione migliore per centrare la vittoria”.

Qua, invece, le parole di Valtteri Bottas, che svelano solamente tanta delusione per una pole assaporata solamente per poco: “È deludente aver sfiorato la pole position per poi vedersela soffiare all’ultimo. Il mio giro non è stato perfetto, perchè ho faticato con le gomme. Complimenti a Lewis per l’ottima prestazione. Guardando il bicchiere mezzo pieno, il secondo posto in griglia è ottimo ma… la delusione rimane comunque”.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi
Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di potermi sentire un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.