Formula 1 | GP Azerbaijan 2017, Fernando Alonso: “E’ stata comunque una giornata produttiva”

Fernando Alonso è soddisfatto, nonostante non ha potuto terminare la seconda sessione di prove libere. Domani lavorerà in ottica gara

Sembrava che gli spettri dell’affidabilità avessero aggredito nuovamente la McLaren di Fernando Alonso, infatti lo spagnolo stesso in un primo momento, tramite team radio ha affermato che doveva fermarsi per problemi al motore, invece stavolta il problema era dovuto al cambio. Al termine della seconda sessione di prove libere, i giornalisti volevano sapere da Fernando Alonso cos’era successo e se il rapporto tra McLaren ed Honda dipendeva dall’aggiornamento portato lì a Baku, ma il pilota spagnolo ha risposto a tutto ciò, dicendo: “Queste domande sono per la McLaren. Io posso parlarvi di ciò che ho provato oggi, ma di ciò che si è rotto, lo sanno loro nello specifico, io non lo so. Inizialmente credevo fosse il motore, ma così non è stato”.

Nonostante tutto, Fernando Alonso ritiene che sia stata comunque una giornata produttiva per lui e per il team, perciò si sente soddisfatto e non affatto preoccupato dalla pericolosità della pista. A riguardo infatti ha affermato: “E’ stata una giornata produttiva. Abbiamo provato cose nuove in entrambe le sessioni, tra cui diverse configurazioni aerodinamiche, e dobbiamo cercare di trovare cose positive anche per domani. Per trarre le giuste conclusioni è necessario anche analizzare i giri di Stoffel Vandoorne con molta benzina. Per quel che riguarda la pericolosità della pista non sono preoccupato, perché come l’anno scorso, in gara ci saranno meno problemi, mentre venerdì e sabato si cerca continuamente il limite. La situazione della pista era molto delicata oggi, anche a causa delle mescole dure che perdevano temperatura sul rettilineo, prima di frenare”.

Infine, Fernando Alonso ha spiegato che domani lavorerà in ottica gara, a causa della penalità di 15 posizioni che dovrà scontare domenica, infatti ha concluso affermando: “Domani innanzitutto proveremo a recuperare il tempo perso oggi con il carico di benzina, poi penseremo alla qualifica, anche se cercheremo di risparmiare più set di mescole possibili per la gara”.

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto
Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.