IndyCar | Marco Andretti: “Fernando Alonso è più preparato rispetto agli altri rookies”

Il nipote e figlio d’arte non si è mostrato per nulla impressionato dal debutto in IndyCar di Fernando Alonso che ha chiuso le libere 1 in 19esima posizione

Tra qualche ora si chiuderà ufficialmente anche il secondo turno di prove libere di preparazione alla 500 Miglia di Indianapolis per Fernando Alonso. Il pilota spagnolo della McLaren, che ieri ha chiuso in 19esima posizione dovendo fare i conti con qualche problemino alle sospensioni sulla sua Dallara Honda, in ogni caso ha potuto guardare con positivismo alle prove libere 1 visto che la sessione è stata dominata dal suo compagno di squadra, Marco Andretti. Il nipote e figlio d’arte non si è mostrato per nulla impressionato dal debutto in IndyCar del due volte Campione del Mondo di Formula 1.

Per essere onesto credo che Fernando Alonso sia ben più preparato della maggior parte dei rookies. Tutta la squadra gli è stato vicino e penso che abbia acquisito molte conoscenze… forse anche troppe così in una sola volta – ha affermato Andretti che nel 2006, alla sua prima 500 Miglia di Indianapolis, riuscì a chiudere la gara in seconda posizione – Se faccio un paragone con me, nonostante sia un rookie è ben più formato rispetto alla mia prima volta su questo ovale. Guidare una vettura di Formula 1 ti aiuta a capire determinate cose e come gestirle“, ha spiegato il pilota 30enne.

Secondo Marco Andretti una delle sfide maggiori contro le quali dovrà fare i conti Fernando Alonso sono proprio i flussi d’aria sporchi: “Dipenderà tutto dalla posizione nella quale si qualificherà ma verso la parte finale dello schieramento sarà sicuramente interessante – ha proseguito – La nostra squadra può contare su cinque monoposto e credo che abbiamo la capacità di poter simulare diverse situazioni che potrebbe trovarsi ad affrontare in gara. Non possiamo dimenticare che il giorno della gara ha sempre una storia a parte, è speciale e niente va mai come ci si era aspettati. Dovrà disputare una lunghezza di 500 Miglia, il suo compito sarà quello di trovare il giusto feeling e da quello che ho visto fino ad ora nella sua carriera sportiva, sono sicuro che non avrà grandi problemi“, ha concluso.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.