IndyCar | 500 Miglia 2017: gara sotto la pioggia per Fernando Alonso?

Il debutto di Fernando Alonso alla 101esima edizione della 500 Miglia di Indianapolis è a rischio per la pioggia. Atteso un diluvio con grandine e vento forte

Il debutto di Fernando Alonso alla 101esima edizione della 500 Miglia di Indianapolis potrebbe essere bagnata. Le probabilità di precipitazioni sull’ovale di Indy sono vicine al 70/80% anche se alcuni siti hanno stilato tutt’altre cifre. Secondo alcune indiscrezioni la pioggia dovrebbe cadere per gran parte della giornata, mentre altri rumors vogliono che possa abbattersi sul Motor Speedway un temporale, accompagnato da vento forte e grandine, proprio nel tardo pomeriggio.

Il rischio che la pioggia possa essere la vera protagonista della 500 Miglia di Indianapolis si fa sempre più concreta ora dopo ora, un quadro che nessuno si auspicava visto che la gara sarà inevitabilmente rimandata a lunedì, quando il sole tornerà a splendere su Indianapolis. Una decisione necessaria tenendo conto di quanto pericolo possa essere correre sul leggendario ovale in condizioni di pista bagnata. Differente scenario se le precipitazioni dovessero iniziare a cadere sulla pista tra le 18.00 e le 23.00 ore italiane, quando la gara è già partita:

– se la corsa non è arrivata 50% della distanza totale sarà rinviata a lunedì concludersi se le condizioni meteorologiche lo permetteranno;
– se la corsa ha superato il 50% della distanza totale gli organizzatori potranno decidere se posticipare la gara, opzione meno gradita ma non scartabile a priori, oppure di sospenderla anticipatamente.

L’ultima volta che i piloti della 500 Miglia di Indianapolis non hanno potuto completare tutti e 200 i giri risale al 2007 quando Dario Franchitti, vincitore della gara, dovette fermarsi alla 166esima tornata a causa di un diluvio improvviso che si abbattè sulla pista. Anche oggi il rischio di pioggia è alto e non dovrebbe trattarsi di una veloce perturbazione. Le chance di vedere disputarsi la 500 Miglia sono poche ma a questo punto non ci rimane che aspettare e capire cosa deciderà l’organizzazione sul da farsi.

AGGIORNAMENTO ore 16.52 (italiane): all’orizzonte si vede solo qualche nuvola, niente di preoccupante quanto le previsioni iniziali

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.