© Studio Colombo

Formula 1 | GP Spagna 2017, Sebastian Vettel: “Bello lottare con la Mercedes ma Bottas mi ha bloccato”

Sebastian Vettel guida ancora la classifica del Mondiale Piloti ma guarda alla gara di Barcellona con rammarico: è convinto di essere stato vittima di un tranello ben organizzato dalla Mercedes

Anche se non è arrivata la vittoria finale, Sebastian Vettel può guardare a questo Gran Premio di Spagna con grande ottimismo per il prosieguo della stagione. Il pilota della Ferrari, che ha chiuso la gara in seconda posizione, ha dato vita a un bel duello con Lewis Hamilton, il primo ruota a ruota della stagione tra la stella delle Frecce d’Argento e quella del Cavallino Rampante.
Eppure nelle parole di Seb si sente anche un po’ di rammarico per non essere riuscito a sfruttare al massimo il potenziale della SF70H: “Abbiamo corso alla pari con la Mercedes e siamo stati molto veloci oggi. La partenza è stata quasi perfetta, così come la gara – ha spiegato il pilota tedesco in conferenza stampa – Sono partito bene, ho visto che Lewis aveva fatto slittare le gomme, e ho continuato a guardare negli specchietti per vedere se qualcuno era partito meglio. Il primo stint è andato bene, ma poi abbiamo dovuto fermarci ai box per evitare che gli altri cambiassero gomme e ci passassero con l’undercut“.

Nonostante Sebastian Vettel possa vantare ancora la testa del Campionato Piloti con cinque punti di vantaggio su Hamilton, il tedesco non si è fatto strappare di bocca la convinzione di essere stato vittima di un tranello ben organizzato da parte della Mercedes: “Anche la seconda fase è andata bene e mi sono avvicinato a Bottas che era in piena crisi di pneumatici, si vedeva per come si muoveva la sua macchina. Valtteri mi ha bloccato, quella poteva essere l’unica intenzione, ossia rimanere in pista e farmi perdere tempo – ha proseguito – Dopo l’ultimo pit-stop abbiamo fatto il possibile: la macchina andava bene, con Lewis è stata battaglia ravvicinata. Mi fa piacere avere la possibilità di lottare con le Mercedes, e oggi possiamo essere molto contenti ma non del tutto“.

Eppure per il momento è vietato parlare di Mondiale: “Il team è in grande forma, dobbiamo migliorare per continuare a restare davanti. Credo che oggi avessimo la macchina buona per vincere a purtroppo non ce l’abbiamo fatta. Non voglio fare programmi: vogliamo pensare a una gara alla volta e se continueremo a essere protagonisti di lotte così serrate magari a fine anno potrebbe essere una bella notizia per tutti, per chi lavora a Maranello, per chi ci segue in pista e per i nostri tifosi“, ha concluso Sebastian Vettel.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.