Dichiarazioni dei PilotiFormula 1 2017Gran Premio CinaMercedes AMG PetronasValtteri Bottas

Formula 1 | Per un millesimo Bottas perse la prima fila: “Un vero peccato”

Il finnico della Mercedes, Valtteri Bottas, si è qualificato 3° dietro al ferrarista Sebastian Vettel al GP Cina per appena 1 millesimo di differenza, beffato per la seconda volta consecutiva dopo il gap di 25 millesimi nel Q3 a Melbourne.

Bottas ha fallito nel tentativo di agguantare il secondo posto accanto al compagno di squadra Hamilton e ha così commentato il risultato: “In un giro un millesimo non è moltissimo ma è un vero peccato che Vettel si sia inserito tra me e Lewis. Mi dispiace ma la gara è domani, come team partiremo primo e terzo e sono delle buone posizioni per la partenza. E poi il tempo potrebbe cambiare. Lewis è stato veloce e anche la Ferrari. Per oggi in Mercedes ci aspettavamo una lotta ravvicinata e anche domani sarà la stessa cosa”. 

La frustrazione di Valtteri Bottas è tuttavia relativa con uno sguardo verso la gara. Sebbene non sia riuscito ad affermarsi oltre il terzo posto tra qualifiche e gara, Bottas assicura di sentirsi a proprio agio in questa occasione.

“L’approccio a questo weekend rispetto a Melbourne è stato diverso, con sensazioni differenti. Quell’intero weekend di gara, con la qualifica e il podio è stato un buon inizio. Perciò mi sento molto più sicuro ora. Sto apprendendo di continuo su qualsiasi cosa, e mi sento meglio ogni giorno di più e ogni giro che completo” ha concluso il pilota Mercedes.

 

Tags
Show More

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Vedi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *