Formula 1 | GP Russia 2017, Lewis Hamilton: “Complimenti a Bottas, ma dobbiamo risolvere questa situazione”

Solamente quarto sotto la bandiera a scacchi, Lewis Hamilton ha fatto i complimenti per la vittoria di Valtteri Bottas ma ha ammesso che c’è ancora da lavorare per tornare competitivi

Dopo un weekend travagliato in cui non si è mai sentito a suo agio, sull’Autodromo di Sochi Lewis Hamilton ha portato a casa solamente un quarto posto, mentre il suo compagno di squadra è riuscito a centrare la sua prima vittoria di carriera davanti alle due Ferrari di Sebastian Vettel e di Kimi Raikkonen.

Cosa è andato storto?
Ad inizio gara avevo un buon ritmo – ha ammesso l’inglese in conferenza stampa – Ma poi ho dovuto rallentare per un surriscaldamento: dal quinto giro ho perso alcune impostazioni della power unit, e poi c’è stato un taglio di potenza ad uno dei cilindri per il brusco innalzamento delle temperature. Avevo un passo di un secondo più lento al giro rispetto a quelli che mi precedevano. Non so quale sia stato il vero problema del weekend: qualcosa sicuramente non ha funzionato, quindi è necessario tornare a lavorare con la squadra per trovare una soluzione a tutta questa situazione”.

Nonostante i problemi, però, il tre volte Campione del Mondo ha anche fatto i complimenti al suo compagno di squadra per la sua prima vittoria in carriera: “Valtteri ha fatto un ottimo lavoro, ha lottato alla grande con le Ferrari ed è riuscito a conquistare un’importante vittoria qua a Sochi. Come è ho fatto a saperlo? Negli ultimi 20 giri non potevo far altro che controllare la situazione, quindi sono riuscito a guardare le immagini sui mega-schermi della battaglia tra Bottas e Vettel. Già, non ero completamente concentrato sulla gara…

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi
Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di potermi sentire un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.