Formula 1 | GP Russia 2017, Fernando Alonso: “Sarebbe un successo per entrambe le vetture, tagliare il traguardo domenica”

Fernando Alonso è rimasto visibilmente sorpreso, dal livello di interesse del paese americano per la sua partecipazione alla 500 Miglia di Indianapolis e spera che, la sua McLaren sia più competitiva in Russia ed in Spagna

La quarta edizione del Gran Premio di Russia si presenta come un’ulteriore prova per testare l’affidabilità della McLaren Honda, dopo che Fernando Alonso non ha ancora terminato nessuna gara in questa stagione. Durante i test effettuati in Bahrain, Stoffel Vandoorne è stato in grado di completare 81 giri senza errori, un successo senza precedenti per la McLaren in questa stagione, anche se il Team Principal Eric Boullier non vuole sbilanciarsi troppo, anzi ha affermato con sincerità di non sapere esattamente su quanta affidabilità possono realmente contare.

Perciò prima di disputare la 500 Miglia di Indianapolis, una sfida del tutto nuova per Fernando Alonso che ha già iniziato la preparazione negli Stati Uniti, assistendo anche ad una gara di IndyCar in Alabama, il pilota spagnolo in vista del Gran Premio di Russia e poi di quello di Spagna, vuole capire e vedere se il piccolo miglioramento che la sua squadra ha accennato negli ultimi test in Bahrain è reale o è soltanto una nuova illusione. In queste circostanze, Fernando Alonso ha affermato che sarebbe un successo per entrambe le vetture tagliare il traguardo sul circuito di Sochi, domenica.

Fernando Alonso, sorpreso dal livello di interesse del paese americano per la sua partecipazione alla 500 Miglia di Indianapolis, ha affermato: “Gli ultimi tre o quattro giorni a piedi in aeroporto ad Indianapolis o Chicago, tutti mi hanno fermato e mi hanno dato la mano per augurarmi buona fortuna. E’ stato come essere in Spagna per un momento”. Il due volte Campione del Mondo, che salterà il Gran Premio di Monaco, una gara che ha vinto due volte, per disputare la 500 miglia di Indianapolis a fine maggio, ha concluso dicendo: “Sono molto consapevole di quanto sia difficile guidare quelle macchine a quelle velocità e nel traffico, ma sono assolutamente pronto a imparare il più che posso e spero di essere competitivo”.

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto
Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.