Formula 1 | GP Cina, Red Bull: Verstappen batte Ricciardo in un finale emozionante

L’olandese rimonta dalle retrovie e finisce sul podio, Ricciardo le prova tutte ma deve accontentarsi della medaglia di legno

Il primo podio targato 2017 della Red Bull è arrivato dopo un finale al cardiopalma, nel quale Max Verstappen, nonostante una vettura sottosterzante e il doppiato Grosjean che non gli dava strada, ha dovuto rintuzzare gli attacchi del compagno Ricciardo. Le scaramucce tra i piloti Red Bull erano iniziate già nella prima metà gara, quando Max aveva infilzato Daniel di sorpresa. L’australiano ha provato a restituirgli il favore nell’ultima frenata, ma la difesa di Verstappen l’ha costretto a gettare la spugna.

“Mi sono divertito – ha detto Verstappen – soprattutto nei primi giri. Abbiamo visto dei bei sorpassi e ne vedremo ancora: qui è diverso da Melbourne, la pista è più larga ed era più facile superare. Nella scorsa gara avevamo visto pochi sorpassi soprattutto per la conformazione del circuito”.

“Il bilanciamento non era perfetto e in qualifica avevo girato poco, così mi sono ritrovato a lottare col sottosterzo. Ma il problema più grande è nato dai doppiaggi, soprattutto nel caso di Romain Grosjean che negli ultimi 6 giri è rimasto circa 2″ davanti a Verstappen senza mai spostarsi. Situazione che a detta dell’olandese gli ha complicato le cose.

“Mi ha disturbato molto – ha commentato Max – perché già quando sei a 2″ o poco meno si iniziano a sentire gli effetti. Grosjean non stava lottando con nessuno, né davanti né dietro, quindi credo non gli sarebbe costato granché farsi da parte e lasciare passare me e Daniel. Alla fine non mi ha compromesso la gara, ma trovarsi dietro un doppiato mentre lotti col sottosterzo non è proprio il massimo. Credo che dobbiamo studiare qualcosa per le prossime gare affinché non si ripeta una situazione simile.

Verstappen ha battuto Ricciardo, che negli ultimi giri montava un set di gomme più fresco. “Non è bellissimo perdere il podio per così poco – ha commentato l’australiano – mi sarebbe piaciuto battagliare di più negli ultimi giri. Nel complesso, è stata una gara difficile, soprattutto nei primi giri quando bisognava mantenere in temperatura le gomme con la Safety Car“.

“Non potevo fare molto di più. Nell’ultima parte sono andato più veloce, ci siamo avvicinati ai primi ma non abbastanza. Non voglio raggelare l’entusiasmo della squadra, ma credo che il risultato di oggi sia stato dovuto alle condizioni meteo particolari. E comunque abbiamo tagliato il traguardo con 45″ di svantaggio da Lewis. Dobbiamo lavorare e trovare il modo di essere più veloci“.

Scritto da: Luca De Franceschi

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d’anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l’era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.