Formula 1 | GP Cina 2017, Sebastian Vettel: “Forse sono stato un po’ codardo…”

Sebastian Vettel ha confermato di essere soddisfatto della sua seconda posizione in griglia, ammettendo tuttavia che la sua prestazione odierna poteva essere migliorata

Formula 1 | GP Cina 2017, Sebastian Vettel: “Forse sono stato un po’ codardo…”

Come in Australia, anche sul circuito di Shanghai Sebastian Vettel ha centrato un’importante seconda posizione in griglia e quindi una prima fila che domani in gara sarà fondamentale per insidiare il suo rivale di questo 2017, Lewis Hamilton.

Grazie ad un ottimo 1’31”864, Seb è arrivato a 186 millesimi dall’inglese della Mercedes, precedendo tra l’altro di un solo millesimo il finlandese Bottas che, invece, scatterà dalla terza piazza proprio dietro il compagno di squadra.
Un’ottima prestazione a prima vista, tuttavia già messa in discussione dal pilota di Maranello, il quale ha affermato che, senza l’errore all’ultima curva, si poteva fare sicuramente di più.

Vedremo domani quanto sarà importante la prima fila – ha esordito Sebastian Vettel dopo le qualifiche – È stata comunque una bella sessione, sono molto soddisfatto della mia prestazione, tuttavia… ho perso sicuramente qualcosa nell’ultima curva. Forse sono stato un po’ codardo perchè ho frenato troppo presto, però sono riuscito a stare davanti a Valtteri e a conquistare la seconda posizione”.

Per quanto riguarda la mia SF70H – ha continuato il ferrarista – Credo che sia veloce e forte in ogni condizione. Certo, dobbiamo stare attenti alle Mercedes, perchè negli ultimi anni in qualifica sono sempre riusciti a sfruttare al massimo il loro potenziale, mentre noi abbiamo avuto sempre la sensazione di poter migliorare qualcosa”.

Pronostici per la gara di domani? Vedremo – ha concluso infine il pilota tedesco – Le condizioni saranno molto differenti rispetto a quelle incontrate oggi. Potrebbe addirittura piovere…”.

Autore

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. Sono stato VFP1 nell'Esercito Italiano e per un breve periodo anche Allievo Maresciallo nell'Aeronautica Militare, ma la vita è come un cerchio ed alla fine ho trovato la mia strada nelle corse e nel motorsport. Cosa rappresenta per me la Formula 1? Un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di poter sentirmi un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *