Formula 1 | FIA: motori meno costosi e a vantaggio dello show

La FIA ha discusso con i costruttori il futuro delle power-unit: Todt si è detto favorevole a motori meno complessi per salvaguardare lo show

Ieri a Parigi, la FIA ha incontrato le case costruttrici presenti in Formula 1 e altri rappresentati del motorsport, tra cui Alfa Romeo e Volkswagen, per discutere riguardo il futuro dei propulsori.
In una nota resa pubblica dal massimo organo dell’automobilismo, si legge che un accordo è stato raggiunto tra i vari attori: le nuove power-unit saranno meno complesse dal punto di vista tecnologico e più “rumorose”. I motori, quindi, dovranno possedere un alto livello di performance, con un suono migliore: “che spinga i piloti a guidare al limite”.

Proprio il Presidente FIA Jean Todt ha rilasciato qualche commento sulla decisione, dichiarando la sua posizione a favore di una Formula 1 meno tecnologica ma con più spettacolo in pista.

“Sono molto soddisfatto del fatto che gli stakeholders siano riusciti a trovare un punto in comune riguardo un argomento così importante.” ha esordito Todt.

Ovviamente il desiderio è quello di mantenere la massima serie al top della tecnologia sportiva, in funzione anche dello sviluppo delle vetture da strada. Poi bisognerà discutere tutti i dettagli, il che richiederà tempo e il passaggio verrà messo in atto nel 2021.

“Adesso dobbiamo sederci e mettere a posto i dettagli e avere un’idea chiara di ciò che vogliamo attuare. Ma abbiamo iniziato con il piede giusto, non vedo l’ora di portare avanti questo progetto e contribuire a migliorare il futuro della Formula 1.” ha terminato Jean Todt.

Scritto da: Anna Polimeni

Anna Polimeni

Mi chiamo Anna, ho 19 anni e vengo da Torino. La F1? la mia passione, il mio mito? Ayrton Senna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.