Formula 1 | Lance Stroll: “Chi mi critica è solo invidioso”

Il canadese rispedisce al mittente le critiche che gli vengono rivolte dai test di Barcellona e che non si sono sopite dopo il poco esaltante debutto in Australia

Durante i test di Barcellona qualche malizioso l’aveva soprannominato DisaStroll. A fronte dei numerosi errori (peraltro prevedibili e giustificabili, per un debuttante di 18 anni), Lance Stroll non aveva convinto da subito gli addetti ai lavori, spietati nello stritolare il pilota canadese, che collezionava testacoda e incidenti alla sua prima presa di contatto con la Williams FW40.

Anche in Australia, la scorsa settimana, Stroll ha continuato il processo di apprendimento tra errori e incidenti, primo su tutti quello delle FP3, quando è finito addosso al muro. Eppure non si può dire che al canadese mancassero i numeri prima dell’approdo in Formula 1: Stroll ha infatti fatto suo il campionato di Formula 3 2016, oltre al campionato italiano di Formula 4 nel 2014.

C’è tanta invidia in questo mondo – ha detto Stroll contro i suoi detrattori – Chi non è arrivato in Formula 1 deve trovare una giustificazione, così si finisce col muovere critiche senza senso”.

“Chiedete a piloti come Hamilton, Vettel e Ocon cosa significhi vincere le formule propedeutiche. La gente non ha neanche idea di quanto è difficile vincere la Formula 4, la Formula Renault o la Formula 3. Sono campionati molto competitivi e lo sforzo richiesto per prevalere è enorme. Prendere i punti per la superlicenza non è un gioco da ragazzi, bisogna sudarseli vincendo le formule propedeutiche” ha continuato il pilota Williams.

“Per fortuna nel paddock c’è rispetto tra piloti. Ognuno di noi sa quanto è dura arrivare in Formula 1 ha poi concluso Stroll.

Il canadese sta vivendo una fase complicata: in Australia è partito dall’ultima piazza per avere sostituito la scatola del cambio (conseguenza dell’incidente al sabato mattina), mentre in gara si è ritirato mentre navigava in tredicesima posizione. Non un debutto da urlo, ma è decisamente presto per condannarlo.

Scritto da: Luca De Franceschi

Luca De Franceschi
Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.