Formula 1 | Test Barcellona, Kimi Raikkonen: “Volendo si poteva spingere di più”

Terminati i test ufficiali pre-campionato, Kimi Raikkonen, dalla cima della classifica dei tempi, ha ammesso che c’è ancora tanto margine di miglioramento

Formula 1 | Test Barcellona, Kimi Raikkonen: “Volendo si poteva spingere di più”

L’anno scorso la Ferrari ha sbandierato in lungo ed in largo tanto, troppo ottimismo che alla fine ha giocato a suo sfavore. Oggi, invece, la nuova strategia intrapresa dagli uomini in Rosso, con Marchionne in testa, sembra che stia funzionando nella direzione giusta, visti gli ottimi risultati ottenuti prima da Sebastian Vettel e poi da Kimi Raikkonen nei recenti test ufficiali sul Montmelò spagnolo.

È stato proprio il pilota finlandese a stampare il record delle due settimane di prove, un 1’18”634 che è già il nuovo giro veloce del circuito… ma che a detta di Iceman, si poteva migliorare ulteriormente.
Stavolta è andato tutto per il meglio – ha commentato il ferrarista – La monoposto sta funzionando bene, la squadra ha lavorato molto durante l’inverno ed ha preparato una vettura subito competitiva. Rispetto all’anno scorso, non c’è paragone che tenga: ci sono tantissimi settori in cui rende decisamente meglio, ma bastava volerlo ed avremmo anche potuto spingere più di quanto abbiamo fatto”.

Tuttavia, arrivare al limite non era il nostro obiettivo – ha continuato Kimi Raikkonen – Durante i test abbiamo rispettato il programma di lavoro previsto da Maranello, e possiamo ritenerci soddisfatti delle nostre performance. Il risultato attuale è quello di avere finalmente una monoposto bella ed efficace da guidare, ma non chiedetemi alcuna previsione per Melbourne. Ogni anno è la stessa risposta, vediamo tra un paio di settimane”.

Autore

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. Sono stato VFP1 nell'Esercito Italiano e per un breve periodo anche Allievo Maresciallo nell'Aeronautica Militare, ma la vita è come un cerchio ed alla fine ho trovato la mia strada nelle corse e nel motorsport. Cosa rappresenta per me la Formula 1? Un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di poter sentirmi un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*