Formula 1 | Sauber, Antonio Giovinazzi probabile in Cina e Barhain, però…

È una situazione particolare per Giovinazzi, che dopo il Gp Australia, potrebbe tornare al volante della Sauber per i prossimi due Gp

Antonio Giovinazzi dopo il weekend del Gp Australia, ha fatto ritorno nella sua Puglia, per concedersi qualche giorno di relax prima di ripartire in direzione Cina, dove tra una settimana ci sarà il Gp Cina a Shanghai. Eh sì, perché Antonio sarà presente nel paddock di Shanghai, senza però sapere il ruolo che ricoprirà. Il pilota italiano, dopo il buon esordio in Australia al volante della C36 della Sauber in sostituzione di Pascal Wehrlein, infatti in questi giorni è in attesa di un’eventuale convocazione per affrontare il suo secondo Gran Premio di Formula 1.

Lo scorso weekend era atterrato in Australia alla vigilia dell’inizio delle prove libere, riuscendo comunque a dormire qualche ora in più la notte precedente la comunicazione della Sauber, trovandosi quindi pronto per scendere in pista. Per questo Antonio ha chiesto di poter anticipare il suo arrivo in Cina, proprio per recuperare il fuso orario, e trovarsi ancora più pronto per un’eventuale richiamo da parte del team Elvetico. Richiesta accettata, e l’atterraggio sarà anticipato di un paio di giorni.

Nel paddock, tra gli addetti ai lavori le quotazioni di Giovinazzi sono in crescita rispetto a Pascal Wehrlein, con una buona probabilità che il pilota italiano torni in pista come pilota titolare a bordo della C36, anche se regna l’incertezza. Uno scenario di cui ne sapremo meglio nelle prossime ore e giorni.

Ogni giorno che passa però si scopre una situazione particolare, che non riguardano solo le condizioni fisiche di Wehrlein. A Melbourne, il team principal della Sauber Monisha Kaltenborn è stata vista parlare molto con Toto Wolff. Un incontro che porta a pensare che forse c’è qualcosa che va oltre al ritardo sulla preparazione fisica (che comunque sia era stata ampiamente annunciata) e che possa aver colto impreparato il team Elvetico. Naturalmente sia Sauber sia Mercedes non ne parlano, ma probabilmente si pensa che il contratto tra le due parti sia in discussione.

Quindi, c’è il rischio per Giovinazzi di correre nei due prossimi gran premi della stagione, ovvero Cina e Bahrain. Una situazione particolarmente complessa, con Giovinazzi che in tal caso arriverebbe a quota tre Gran Premi disputati, perdendo così lo status di “rookie”. Per il nuovo regolamento FIA si perde questo status se si disputa più di due Gran Premi. Perciò Antonio rischia di non poter scendere in pista con la Ferrari nei test programmati in Bahrain il martedì e mercoledì seguenti la gara.

La Scuderia di Maranello quindi dovrà eventualmente mettere in allerta Charles Leclerc o Antonio Fuoco, che comunque saranno presenti nel weekend del Gp Barhain, per la prima gara del campionato di Formula 2.

Per Antonio Giovinazzi, quindi si prospetta la possibilità di correre altri due Gran Premi, e probabilmente anche di più con la Sauber, mettendo quindi a rischio la possibilità di scendere in pista con la Ferrari.

Vedremo nei prossimi giorni, cosa succederà in casa Sauber, cosa deciderà di fare sul fronte piloti per i prossimi Gran Premi della stagione 2017.

Scritto da: Giorgia Meneghetti

Giorgia Meneghetti
Mi chiamo Giorgia, 30 anni, residente a Fermo nelle Marche. Appassionata di cavalli, e di Formula 1 fin dal 1998 quando correva il mitico nonché mio idolo Michael Schumacher con la Ferrari, di cui sono tifosa sfegatata. Un'altra mia passione si chiama Fernando Alonso, un pilota che apprezzo molto, che sogno di poter incontrare un giorno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.