Formula 1 | Operazione nostalgia: sul tavolo delle trattative per il ritorno di Adelaide

Dopo ventidue anni dall’ultima gara, il Consiglio Comunale di Adelaide chiederà al governo australiano la possibilità di far tornare la F1 sul proprio circuito cittadino

Poco più di una settimana e finalmente la tanto attesa stagione 2017 farà il suo debutto sul circuito di Melbourne, in Australia, per il primo round stagionale.
Ma nella terra dei canguri, prima dell’Albert Park c’è stato un altro tracciato che ha ospitato le monoposto più veloci del mondo: si tratta della pista cittadina di Adelaide, presente in calendario dal 1985 al 1995.

A distanza di ventidue anni dall’ultima gara, però, sembra che ci sia un qualche interessamento da parte del Consiglio Comunale locale per riportare la Formula 1 all’interno del Parco della Vittoria.
A tal fine, una proposta nei confronti di Leon Bignell, Ministro del Turismo dell’Australia del Sud, sarà messa in cantiere per far sì che questo sogno diventi realtà.

Ad Adelaide si prova da tempo una certa nostalgia per il tradizionale Gran Premio cittadino, per cui sono molto felice che il Consiglio abbia deciso di scrivere una lettera al Governo – ha affermato il consigliere Alex Antic – L’intento è quello di provare ad imbastire anche solo un semplice studio di fattibilità nei confronti di questo progetto, con la speranza di riportare presto le Formula 1 tra le strette stradine di Adelaide”.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi
Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.