Formula 1 | Kimi Raikkonen: “Deluso ma la base è buona”

Kimi Raikkonen non ha retto il confronto all’alba del Mondiale, terminando il GP Australia in quarta posizione. Nonostante la delusione, crede nella competitività della Ferrari

Sebastian Vettel vince ma lui arriva 4°. Per Kimi Raikkonen il GP Australia finisce amaramente, senza la dolcezza dello champagne e con 12 punti da “bravo soldatino” che portano la Ferrari al vertice della classifica costruttori. Il distacco dal compagno di squadra è stato devastante: 22 secondi, mai in grado di mettere pressione alla Mercedes dall’inizio alla fine.

“E’ deludente la posizione in cui ho finito ma sappiamo cosa dobbiamo fare. –ha dichiarato il finnico– Almeno abbiamo finito, dopo un bel po’ di stagioni in cui non abbiamo finito questa gara, ma ovviamente non è stato un inizio ideale. Questo al 100% non era ciò che volevamo, lo ammetto. Anche se è stato deludente, sono piuttosto contento di aver imparato molto durante il weekend. Ci siamo arrivati un po’ tardi ieri ma va così a volte”.

E’ una gara tra tante, dobbiamo solo mettere le cose al proprio posto e ripartire. Abbiamo un pacchetto competitivo, è stata una bella gara per il team, abbiamo vinto il primo GP, quindi abbiamo molte buone cose e delle ottime fondamenta”. 

Raikkonen ha lamentato numerosi problemi nel corso del weekend, risolti troppo tardi per poter attaccare in gara. Il campione del mondo 2007 ha tuttavia reiterato la competitività del pacchetto presentato per quest’anno e del suo enorme potenziale.

“Ieri abbiamo sofferto un po’ il sottosterzo e anche oggi si è ripetuta la stessa storia con il primo set di gomme. Appena montate le Soft, la macchina è migliorata ed ero molto contento, ma ovviamente a quel punto eravamo già in mezzo al nulla. Dovevo anche risparmiare il carburante, ma penso sia stato uguale per tutti. Spingendo la macchina è andata forte e già da ieri abbiamo individuato le nostre carenze. Era troppo tardi, eravamo un po’ più indietro dopo venerdì e sabato e abbiamo finito così”. 

“Certamente sono possibili delle doppiette nel 2017, ma quando avremo sistemato tutto perfettamente. Sono contento per Vettel, per la squadra, e come ho detto abbiamo una buona base, una buona macchina ma dobbiamo lavorare su molte cose. Sarà un campionato lungo e dobbiamo vedere come andrà.”

 

Scritto da: Beatrice Zamuner

Beatrice Zamuner
Mi chiamo Beatrice, ho 19 anni e ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre. Ora studio lingue all'università Ca' Foscari e faccio parte di f1world da 3 anni. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.