Formula 1 | Faster? Safer! Nuove barriere Tecpro per il GP d’Australia

Con l’aumento delle velocità in curva, i responsabili per la sicurezza in Australia hanno deciso di installare delle barriere Tecpro aggiuntive

Formula 1 | Faster? Safer! Nuove barriere Tecpro per il GP d’Australia

Manca poco più di un mese all’inizio della stagione 2017 con il tradizionale appuntamento del GP d’Australia, momento in cui potremo vedere in pista le nuove monoposto che sono frutto dei rinnovati regolamenti tecnici introdotti dalla FIA.
Questi hanno consentito ai costruttori di sviluppare nuove tecnologie per aumentare le performance in curva fino a quasi 40 km/h di velocità in più, un dato che, a sua volta, ha costretto gli organizzatori dei circuiti a rivedere i propri standard di sicurezza.

Ed anche se i primi riscontri sono stati effettuati solamente al simulatore, gli effetti che possono accadere nel caso di un livello di “safety” sotto la norma hanno convinto i responsabili dei tracciati a prendere dei provvedimenti per tempo.
I primi a muoversi sono stati quelli di Melbourne, i quali hanno affermato di aver iniziato l’installazione di barriere aggiuntive in alcune curve dell’Albert park australiano.

Fino a poco tempo fa bastavano sei file di gomme per allestire la curva 12 – ha dichiarato Craig Moca, responsabile delle infrastrutture di sicurezza in supporto all’Australian Gran Prix Corporation – Oggi, purtroppo, questo standard non è più sufficiente e quindi per il prossimo anno manterremo tre file di pneumatici a sostegno di una nuova barriera Tecpro, la quale sarà affiancata da una seconda protezione in alcuni punti della curva stessa”.
Saranno previsti altri interventi anche nei pressi delle curve 1, 6 e 14, punti in cui verranno raddoppiate le file di gomme alle quali verrà aggiunto un inedito sistema di assorbimento degli urti”.

Autore

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. Sono stato VFP1 nell'Esercito Italiano e per un breve periodo anche Allievo Maresciallo nell'Aeronautica Militare, ma la vita è come un cerchio ed alla fine ho trovato la mia strada nelle corse e nel motorsport. Cosa rappresenta per me la Formula 1? Un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di poter sentirmi un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *