Formula 1 | Alex Zanardi: “Ferrari? Miglioramento improbabile, caso Rosberg? C’era quel Valentino…”

In un’intervista esclusiva per la Gazzetta dello Sport, Alex Zanardi ha fatto il punto della situazione su ciò che sta succedendo nel Circus iridato

Alessandro “Alex” Zanardi: due volte Campione del Mondo CART IndyCar, quattro volte Oro Olimpico con l’handbike a Londra 2012 e Rio 2016 e più volte trionfatore nei Mondiali su strada.
Ma anche ex-pilota di Formula 1 dal 1991 al 1994 facendo la spola tra Jordan, Minardi e Lotus e nel 1999 con la Williams FW21.

Un Campione in pista ma soprattutto un esempio di vita, dal momento che il terribile incidente occorsogli nel 2001 al ritorno nell’americana IndyCar non lo ha fermato nel continuare a raggiungere traguardi sempre più ambiziosi, nonostante la sua palese disabilità.
Lo scorso ottobre 2016 ha preso parte all’ultima prova del Campionato Italiano GT (Gran Turismo), vincendo Gara2 sul circuito del Mugello con una BMW M6 GT3, ed oggi ha avuto il tempo di fermarsi a fare quattro chiacchiere su ciò che sta succedendo nel grande Circo della Velocità.

Cosa ti aspetti dalla Ferrari nel 2017?
Non credo ci sarà un grandissimo miglioramento. Secondo me vincerà Hamilton”.

E allora cosa manca a Maranello per tornare vincenti?
La Formula 1 è un mondo complicato e per vincere bisogna programmare ogni cosa”.

Che la responsabilità sia di Arrivabene?
Maurizio ha un incarico molto difficile, ed in F1 bisogna che tutti i componenti del team, dai tecnici ai manager allo stesso pilota, lavorino nella stessa direzione. Incolpare lui di tutto quanto sarebbe profondamente ingiusto. È stato isolato un po’ troppo ed andrebbe sostenuto il prima possibile”.

Che ne pensi del ritiro di Rosberg?
Sono convinto che la scelta della Mercedes di ingaggiare Bottas sia la cosa migliore, anche se personalmente avrei puntato su Wehrlein: un giovane di talento, come del resto aveva fatto la McLaren affiancando Hamilton ad Alonso. Allora abbiamo poi visto com’è finita, quindi stavolta speriamo in qualcosa di più… interessante”.

E la questione Valentino?
No, sportivamente parlando questa non sarebbe stata la scelta più logica, ma piuttosto l’occasione perfetta per incrementare l’audience del Circus iridato, che ne ha veramente bisogno, specialmente sul piccolo schermo. Se la vittoria di un altro mondiale da parte della Mercedes innalza gli ascolti, chissà cosa avrebbe potuto fare Rossi con un solo trionfo in gara!”.

Ma il Dottore si sta preparando il decimo titolo…
Infatti, e per questo è immenso. Assolutamente pazzesco ed incredibile. Scommetterò su di lui, di certo non su Marquez”.

E se il reparto corse di Brackley ti avesse proposto il sedile libero della prossima W08 Hybrid?
A Natale ho fatto gli auguri ad Hamilton e gli ho scritto che se mi avessero preso al suo fianco, nessuno lo avrebbe più seguito. Gli ho detto di immaginare due monoposto in griglia, ed al fianco di una delle due… una sedia a rotelle. Chi avrebbe avuto ancora interesse a guardare l’altra?”.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi
Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di potermi sentire un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.