Formula 1 | Bottas: “Williams iridata? Solo questione di tempo”

Valtteri Bottas ha salutato la Williams augurandole vittorie e titoli, ritenendo che a Grove non sia impossibile rispolverare i sogni di gloria come 20 anni fa

Valtteri Bottas nella stagione 2017 vivrà il suo sogno in Mercedes, ma come ogni uomo squadra che si rispetti non ha risparmiato gli elogi alla Williams, la famiglia che lo ha adottato nel 2010. Il pilota finlandese mediante un video caricato su twitter dalla squadra inglese ha espresso tutta la sua gratitudine, sostenendo che a Grove tornerà presto il titolo iridato.

“Sono stato parte della Williams per un totale di 7 anni, di cui 4 come titolare e il tempo è volato. Sono forse uno dei piloti con il maggior numero di GP corsi alla Williams ed è stata una grande opportunità di apprendimento per me e il team”. 

“Ogni anno ci sono progressi dal punto di vista professionale e molte cose continuano a migliorarsi nonostante i risultati non lo rendano così evidente. Dico sempre che se la Williams ha vinto così tanti titoli, non c’è motivo per non pensare che torni a vincerli. E’ solo questione di tempo per questo team ed è un peccato non avere ottenuto la mia prima vittoria o il titolo con loro”. 

Valtteri è diventato pilota titolare nel 2013 e nel 2014 ha massimizzato la grande crescita della squadra conseguendo 9 dei 14 podi nella stagione 2014. Negli ultimi due anni le performance della Williams hanno avuto un andamento altalenante e il balzo del 2014 non è stato portato avanti soprattutto a causa della mancanza di rischi e creatività negli sviluppi. 

Il direttore tecnico uscente Pat Symonds lascerà il posto a Paddy Lowe, barattato con Bottas e uno sconto sulle power unit 2017. L’ex Mercedes tornerà in un ruolo dirigenziale al muretto e ciò non può che giovare alla squadra che vanta oltre 40 anni di storia.

Auguro il meglio a tutti alla Williams e auguro grandi successi, sperando che vincano un titolo al più presto. Credo e spero di aver dato tantissimo alla Williams, almeno ho dato tutto ciò che ho potuto. Ho sempre voluto essere un team player e il mio obiettivo è sempre stato quello di portare più punti possibile per la squadra, lavorare tanto con gli ingegneri e trascorrere molto tempo in sede”. 

“Ho sempre voluto fare il possibile per migliorare il team e fornire il feedback per renderci più forti e più veloci. Spero di aver lasciato il segno e che tutto vada bene in futuro.”

Scritto da: Beatrice Zamuner

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 19 anni e ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre. Ora studio lingue all’università Ca’ Foscari e faccio parte di f1world da 3 anni. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.