Formula 1: il secondo appuntamento europeo è al Montmelò

Il circus della Formula 1 sbarca nel Vecchio Continente per la seconda tappa europea di questo mondiale 2016: domenica si corre al Montmelò per il Gran Premio di Spagna.

Il Circuit de Catalunya è situato venti chilometri a nord di Barcellona, fu inaugurato nel 1991 per i Giochi Olimpici del ’92; il tracciato, inoltre, è lungo 4655m e viene spesso utilizzato per i test invernali da diversi team.

formula-1-il-primo-appuntamento-europeo-e-al-montmeloNonostante il Montmelò ospiti la Formula 1 solo da venticinque anni a questa parte, il Gran Premio di Spagna ha radici ben più profonde: la prima gara valida per il mondiale è quella del 1951 a Jarama, vicino Madrid, a tagliare il traguardo è Fangio su Alfa Romeo. Dal 1968 le edizioni del Gran Premio iniziano ad alternarsi tra Jarama e il Montjuic, in Catalogna.
Nel 1974, in un’edizione dove per poco non si sfiora la tragedia con la vettura di Merzario che decolla e finisce contro il guardrail, sul gradino più alto ci finisce un certo Niki Lauda che darà inizio alla sua straordinaria carriera, la Ferrari completa la doppietta con Regazzoni.

Il Gran Premio dell’anno successivo passa alla storia per lo sciopero dei formula-1-il-primo-appuntamento-europeo-e-al-montmelopiloti con al centro la questione della sicurezza: dopo che il sopralluogo del rappresentante GDPA Beltoise riporta esiti negativi riguardo la pericolosità dei guarda rails. Molti piloti decidono di boicottare le prove ed a scendere in pista il venerdì sono solo Ickx e Brambilla, si apre così una spaccatura tra coloro che appartengono all’organizzazione a favore del boicottaggio: tra cui Lauda e quelli non appartenenti come Ickx. Tuttavia anche i più ostinati sono costretti a cedere quando gli organizzatori minacciano di sequestrare le vetture, proprio Lauda conquista la pole davanti a Regazzoni, la griglia si tinge anche di rosa con l’italiana Lella Lombardi in March-Cosworth. formula-1-il-primo-appuntamento-europeo-e-al-montmeloLa gara è il triste epilogo di ciò che è accaduto nei giorni precedenti: dalla vettura del tedesco Stommelen si stacca l’alettone e vi è il botto violento contro le barriere, il pilota riporta la frattura della gambe ma il bollettino della tragedia dice quattro morti tra spettatori, giornalisti e commissari. La gara prosegue tra la confusione generale e a vincere è Mass davanti a Ickx e Reutemann, Lella Lombardi, invece, è sesta: per la prima volta in Formula 1 una donna arriva nella zona punti.
Sei anni dopo a riportare la Rossa in alto a Jarama è Gilles Villeneuve, dopo aver tenuto testa a Lafitte.

Nel 1991 in quella che è l’edizione inaugurale al Montmelò, si parte sotto la pioggia con Berger in testa con Senna secondo, non va bene a Mansell che perde posizioni. Ma l’inglese non si arrende e attua la sua rimonta da “Leone“: dopo aver passato Schumacher si lancia all’inseguimento di Senna, gli spettatori sono col fiato sospeso quando i due si trovano ruota a ruota sul rettilineo principale; alla fine il Leone alza la sua coppa mentre per il brasiliano solo un quinto posto.

Cinque anni più tardi la rimonta è di Schumacher, il tedesco vola con la sua Ferrari sul bagnato e si porta a casa la vittoria. Il Kaiser tonerà a trionfare in Spagna nel 2001 e per quattro anni di fila sul podio si sentirà solo l’inno tedesco!

Nel 2006 è Fernando Alonso che vince per la prima volta davanti al suo pubblico, El Nano domina con la sua Renault finendo davanti a Schumi e Fisichella. L’asturiano si illude di poter portare a casa la vittoria nel 2011 con la Ferrari, ma viene tradito dall’alto tasso di usura della gomme e dopo ben quattro pit-stop deve lasciare spazio alla RedBull di Vettel.
formula-1-il-primo-appuntamento-europeo-e-al-montmeloDue anni più tardi Alonso ottiene il suo riscatto, supera le due Mercedes con una strepitosa partenza e tinge ancor più di rosso la Spagna, regalando il trionfo alla Scuderia di Maranello.

Il Gran Premio del 2015 è sotto il segno della Mercedes con Rosberg che fa bis: pole e primo posto, mentre Grosjean travolge i poveri malcapitati meccanici ai box.
Ancora pochi giorni e domenica vedremo chi sarà a sollevare il trofeo al Montmelò.

Scritto da: Anna Polimeni

Anna Polimeni
Mi chiamo Anna, ho 19 anni e vengo da Torino. La F1? la mia passione, il mio mito? Ayrton Senna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.