Pirelli, strategia gomme decisiva per salire sul podio al Montmelò

Il circuito di Barcellona è uno dei tracciati più impegnativi per le gomme, eppure 8 dei primi 10 piloti classificati hanno completato i 66 giri del Gran Premio effettuando solo due soste.
La strategia gomme è stata determinante per il Gran Premio di Spagna, ed ha consentito a Lewis Hamilton, Mercedes, di conquistare la sua quarta vittoria consecutiva e portarsi così in testa alla classifica piloti. L’inglese, che ha optato per una strategia medium-medium-hard, ha battuto il suo compagno di squadra Nico Rosberg, che invece ha scelto una strategia medium-hard-medium, per soli sei decimi di secondo.

Sebastian Vettel, Red Bull, è partito dalla 15esima posizione in griglia ed è riuscito a concludere la gara al quarto posto con una strategia di tre soste; il tedesco ha, inoltre, segnato il giro più veloce. Martedì 13 maggio ha preso il via il secondo test in-season di quest’anno. Nella prima giornata sono state Sauber e Toro Rosso a provare le gomme 2015 per Pirelli; nella seconda saranno Force India e McLaren.

Il Direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery, ha commentato: «Abbiamo visto molte battaglie tra i primi 10 piloti. Ciò dimostra l’importanza delle strategie quest’anno, riferite non solo al numero di pit stop ma anche all’ordine in cui le gomme vengono usate. Dopo la pioggia di questa notte, le temperature ambientali e di pista oggi erano più basse, e questo ha ridotto la differenza di tempo tra le due mescole, aggiungendo un ulteriore fattore all’equazione. Sebbene Barcellona sia uno dei circuiti più impegnativi dell’anno, l’usura e il degrado sono stati ampiamente sotto controllo, come dimostrato dal fatto che la maggior parte dei piloti ha completato la gara con due pit stop. Questo è il risultato del duro lavoro effettuato da tutti gli uomini e le donne del nostro team a Milano e a Izmit, che vorrei ringraziare. Ora ci focalizzeremo sul secondo test in-season di quest’anno, per lo sviluppo delle gomme 2015».

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.