James Allison invita la Ferrari a osare: «Incoraggiamo i tecnici a essere creativi»

Quello di Monaco si è rivelato essere l’ennesimo Gran Premio duro per la Ferrari. Se Raikkonen, colpito dalla sfortuna, non è riuscito a salire su quello che sarebbe stato un podio meritato, Alonso ha portato a casa altri punti preziosi, impedendo così alla Red Bull di prendere il largo nella classifica in campionato. I tecnici non hanno perso tempo e una volta tornati a Maranello si sono rimessi al lavoro sullo sviluppo seguendo due binari distinti, al duplice scopo di colmare nel breve periodo il gap che separa il Cavallino Rampante dalle dirette rivali e migliorare nelle metodologie seguendo uno schema impostato sul lungo periodo. James Allison, tornato in Ferrari da settembre dello scorso anno, ha sottolineato come per riuscire a vedere una F14T più competitiva sia necessario lasciare maggiore spazio ai tecnici per essere più creativi.

«Dobbiamo essere in grado di sfruttare al massimo la creatività e la peculiarità dei nostri ingegneri. Sappiamo di non avere la bacchetta magica ma lavorando sia sull’impostazione che sull’approccio al lavoro e concedendo lo spazio e il tempo necessari i talenti che abbiamo in Ferrari potranno emergere – ha dichiarato l’inglese a www.ferrari.com – A Monaco abbiamo continuato ad analizzare le aree in qui la F14 T può essere migliorata ed ora guardiamo alla prossima gara in Canada, dove il pacchetto sarà un passo avanti rispetto alla vettura che ha gareggiato in questo weekend».

L’importante ora è pensare alla gara di Montreal: «Anche se il nostro programma di sviluppo è andato avanti nelle ultime settimane, ovviamente è difficile dire cosa questo potrà significare per la competitività della F14T, dal momento che non sappiamo quali step evolutivi porteranno a Montreal i nostri avversari. Qualsiasi miglioramento verrà quindi misurato in termini relativi, sperando che il responso della pista ci ripaghi di tutti gli sforzi fatti finora», ha concluso Allison.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.