Dacia Sandero. Semplice, economica, efficiente

Il gruppo francese della Renault non è nuova alle joint-venture, e ha capito, forse prima di altri competitors, che collaborare con altre realtà produttive può aprire spiragli in mercati diversi, nei quali non è così facile accedereCon l’acquisizione della casa automobilistica rumena della Dacia, ad esempio, il mercato delle low cost ha portato nelle casse francesi ottimi introiti, soprattutto in un momento storico caratterizzato da una grave crisi economica che non ha risparmiato il settore automobilistico.

Dacia Sandero, una scelta intelligente – La sempre inferiore disponibilità economica dei consumatori, soprattutto in alcuni paesi, non corrisponde, purtroppo, a una ridotta necessità di mobilità; di conseguenza, chi non può evitare di acquistare un’auto, magari per esigenze lavorative, cerca di farlo risparmiando quando più è possibileSe in passato, però, l’unica alternativa era quella di comprare un’auto usata da sfruttare per un paio di anni, per poi dover ricominciare tutto daccapo, oggi si può optare per una diversa strategia, ovvero, scegliere un’auto nuova che abbia un prezzo ragionevole e una lunga durata nel tempo.

Se, ad esempio, siete abituati a sfruttare il vostro veicolo in tragitti urbani, cittadini, e non avete bisogno di prestazioni da auto sportiva, una Dacia Sandero può essere una scelta intelligente.

 

Stile e praticità – Punti di forza della Dacia Sandero sono essenzialmente tre: un prezzo di listino basso, un design e uno stile semplice e sobrio, e la praticità di una utilitaria ampia, spaziosa e dai consumi contenuti. Se volete approfondire la conoscenza di questa vettura, potete fare un giro in rete, su siti web dedicati alla vendita di auto, come Automobile.it, dove troverete tutti i dettagli tecnici, le versioni disponibili, le motorizzazioni e i prezzi.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.