Kimi Raikkonen: «Io demotivato? Se lo fossi non sarei in Ferrari»

Dopo l’ennesima gara andata storta e l’apparente difficoltà del finlandese di adattarsi alla F14T, Kimi Raikkonen torna sulla graticola dopo la prestazione sottotono del Bahrain. Iceman doveva essere l’antagonista di Fernando Alonso, l’uomo chiamato da Luca di Montezemolo per dare del filo da torcere allo spagnolo che l’anno scorso si era mostrato troppo insofferente nei confronti di una vettura che non prendeva il decollo. La Ferrari ha preso il finlandese per schierare un dream team in grado di lottare per il mondiale costruttori con due campioni del mondo. Sulla carta la coppia più forte del 2014. Eppure, tra sfortuna, carenze della F14T e problemi di adattamento di Iceman alla monoposto, volendo utilizzare una frase fatta, il Raikkonen visto in questa stagione, fino ad ora, sembra solo il gemello cattivo del pilota capace di gare strepitose con la Lotus E21.

Il pilota della Ferrari sta sicuramente vivendo un momento frustrante e, stanco di essere definito un demotivato di lusso, ha voluto rispondere alla stampa: «Non so perché tiriate in ballo ogni volta la mia motivazione; se non fossi motivato non sarei nemmeno qui – ha sottolineato Kimi – Le ultime gare sono state decisamente negative per me, su questo non ci sono dubbi; ma queste sono cose che capitano. Il mio obiettivo principale è quello di migliorare le mie prestazioni e il mio feeling con la monoposto». Ha continuato il finlandese: «Finora non c’è stato nessun weekend di gara in cui potevamo dirci soddisfatti appieno della monoposto; è stato tutto difficile, ma macinando chilometri potremo migliorare la nostra performance».

E intanto, cambia la situazione anche nell’organigramma Ferrari. Dopo la decisione di Domenicali di lasciare il team e l’arrivo di Mattiacci, secondo il settimanale Autosprint, Pat Fry sarebbe stato confermato nel ruolo di Direttore dell’Ingegneria per altre tre stagioni, accordo siglato prima dell’addio di Domenicali.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.