Le Jordan di Schumacher e Hill finiscono all’asta

Un sacrilegio per gli appassionati di Formula 1, ma almeno c’è la certezza che le monoposto saranno usate per una buona causa. Eddie Jordan, ex proprietario dell’omonimo team di Formula 1 ha deciso che sia giunta l’ora di mettere all’asta due di alcune delle sue più famose monoposto di Formula 1, la 191, che nel 1991 vide il debutto di Michael Schumacher, e la 198 con la quale Damon Hill nel 1998 vinse il Gran Premio del Belgio proprio davanti all’allora compagno di box, Ralf Schumacher.
«Queste due monoposto di Formula 1 sono state tenute per la loro storia, i bei ricordi e per il significato che hanno avuto per la squadra – ha sottolineato Jordan – Ma è giunto il momento di lasciarle andare e il denaro ricavato sarà utilizzato per delle buone cause: aiutare i giovani e le loro famiglie ad affrontare il cancro e a riportare sulla retta via tanti giovani adulti».

Dalla vendita dei due gioielli a quattro ruote, il ricavato sarà completamente donato a due associazioni, alla CLIC Sargent, che si occupa della lotta al cancro e alla Amber Foundation, impegnata nell’assistenza ai giovani. Entrambe le monoposto verranno vendute attraverso la Cars International.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.