Tutto è pronto in Austria: Redbull ottiene le autorizzazioni per il Gran Premio

Il tracciato rinnovato dell’A1 Ring torna ufficialmente in Formula 1. La Red Bull, che ha acquisito l’impianto, è il caso di dirlo ha fatto carte false per convincere Ecclestone ad avere un Gran Premio di casa e così è stato. Quello che si conosceva col nome di A1 Ring, oggi è denominato Redbull Ring e ospiterà la prossima edizione del Gran Premio d’Austria, una delle maggiori novità del calendario 2014 di Formula 1. Nonostante l’inserimento ufficiale nella bozza finale, mancavano ancora alcuni permessi da parte delle autorità locali, vincoli risolti secondo quanto ha riportato il Kleine Zeitung.

Con un limite di spettatori fermo a sole 40 mila unità, le autorità di Sielberg hanno accolto la richiesta degli organizzatori di poter ospitare fino a 225 mila persone in occasione della gara di fine giugno. Secondo quanto riferisce il magazine austriaco sarebbe stato anche approvato il piano riguardante il rumore e all’inquinamento ambientale, attraverso la creazione di infrastrutture utili all’afflusso e al deflusso degli spettatori. Un’ottima notizia non solo per la Red Bull e oer Helmut Marko, uno dei maggiori promotori dell’evento, ma anche per gli spettatori che in questi giorni si erano già trovati davanti al tutto esaurito nell’acquisto dei biglietti.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.