Schumacher è stabile. Mercoledì conferenza stampa della Procura che sta indagando

Niente di fatto a Grenoble. Era atteso per oggi un aggiornamento sulla condizione clinica di Michael Schumacher. Nei giorni scorsi ci sarebbero state fin troppe speculazioni sulla salute del sette volte campione del mondo. In occasione del compleanno del tedesco è arrivato anche Philippe Streiff, ex pilota di Formula 1 costretto su una sedia a rotelle a causa di un incidente avvenuto in alcuni test prima dell’inizio della stagione 1989, che a Sky News e al Telegraph avrebbe confidato che stando a quanto riferitogli da Gerard Saillant, Schumacher è da considerarsi fuori pericolo di vita. I medici, nonostante la rassicurazione, hanno sottolineato che è ancora troppo presto per pensare al futuro.

«Lo stato clinico di Schumacher è considerato stabile e il paziente rimane costantemente monitorato ma le condizioni di Michael restano critiche. La privacy del paziente richiede di non scendere nei dettagli dei trattamenti ed è per questo che non abbiamo pianificato alcuna conferenza stampa, almeno per il momento. Il nostro consiglio è quello di attenervi esclusivamente alle informazioni date dall’équipe medica o dal management del pilota. Queste sono le uniche informazioni che potrete ritenere valide».

La procura di Albertville, intanto, ha indetto per mercoledì 8 gennaio alle ore 11.00 una conferenza stampa a riguardo dell’incidente che ha visto coinvolto il sette volte iridato di Formula 1. Patrick Quincy, procuratore della Repubblica di Albertville, ha assicurato la Gendarmeria starebbe facendo luce sulla dinamica dell’incidente attraverso la telecamera che Schumacher aveva sul proprio casco, andato distruto nello scontro con la roccia e consegnato volontariamente alle autorità locali dalla famiglia, sia attraverso il filmato di un turista tedesco che avrebbe ripreso la caduta sullo sfondo di una registrazione personale.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.