Lewis Hamilton

Lewis Hamilton
Mercedes AMG Petronas
 

Nato a: Tewin (Gran Bretagna)
Il: 7 gennaio 1985
Debutto: 2007 (Australia)

La sua predisposizione alla guida emerge prestissimo e poco più che bambino vince diversi campionati di kart.La McLaren lo nota subito e lo mette sotto contratto dall’età di 12 anni. Ron Dennis lo seguirà sin da ragazzo, vedendo in lui un potenziale campione.
Esordisce e vince in Formula Renault, poi diviene campione nella classe Euro Series F.3.

Nel 2006 arriva alla categoria GP2 e conquista il titolo all’ultima gara di Monza.
A quel punto Dennis è convinto e nel 2007 lo porta in Formula 1 insieme a Fernando Alonso. Nel 2007 Lewis Hamilton va nove volte consecutive a podio con due vittorie, che lo catapultano in testa alla classifica fino all’ultima gara, in Brasile, dove però perde il titolo a favore di Kimi Räikkönen. Nel 2008 Hamilton firma con la McLaren fino al 2012, e non delude le aspettative: la stagione inizia subito con una vittoria. Giunge all’ultima gara in Brasile con 7 punti di vantaggio su Felipe Massa.

Ma durante l’ultimo Gran premio a 5 giri dal termine della gara, inizia a piovere e Hamilton subisce il sorpasso di Vettel, scivolando indietro in classifica e lasciando sperare Massa, che conduceva la gara. A sole due curve dal traguardo, Timo Glock su Toyota si arrende e si lascia sorpassare da Hamilton che conclude la gara al quinto posto, il piazzamento minimo necessario per laurearsi campione del mondo di Formula 1 2008.
Nel 2009 Lewis Hamilton non riesce a replicare la stagione passata e finisce al quinto posto in classifica generale
Il 2010 non sarà uno dei suoi migliori anni ma la sua McLaren con il sistema F-Duct spinge sempre al limite il pilota inglese arrivando tra i primi quattro del mondiale.
Il 2011 per la McLaren non inizia nel migliore dei modi. La scuderia di Woking, dopo aver deciso di effettuare il primo dei test invernali a Valencia con la macchina dell’anno precedente per aver più tempo di lavorare alla nuova MP4-26, incappa in diversi problemi di affidabilità dovuti in buona parte al complesso sistema di scarichi denominato Octupus, che la McLaren è intenzionata a portare in pista per il primo Gran Premio. Conclusi i test, la McLaren decide però di tornare indietro e monta per il primo Gran Premio degli scarichi simili a quelli della Red Bull.
Contrariamente a quanto tutti credevano, la McLaren si dimostra subito molto veloce, dominando le seconde libere. In qualifica Hamilton riesce addirittura a conquistare la prima fila al fianco di Sebastian Vettel, subendo però oltre 8 decimi di distacco dal Campione del Mondo. In gara è un’altra cosa e Lewis riesce a stargli più vicino, concludendo la gara in seconda posizione e conquistando quindi il primo podio del 2011. In Malesia parte di nuovo in prima fila.
Al traguardo arriverà settimo ma sarà penalizzato di 20 secondi per aver cambiato traiettoria 4 volte mentre duellava con Alonso e giungerà ottavo.
In Cina parte terzo dietro Vettel e Button e a 4 giri al termine della corsa sorpasserà Vettel andando a vincere il gran premio. In Turchia complice un errore al primo giro e alcune difficoltà ad un pit-stop giunge solamente quarto. Al Gran Premio di Monaco innesca una furiosa polemica con la Federazione a seguito delle penalizzazioni che gli vengono inflitte dai commissari nel corso del week-end. A fine corsa tornerà nel paddock per scusarsi con la FIA ed evitare sanzioni per violazione del codice che impedisce di rilasciare affermazioni lesive nei confronti dello sport.
In Germania conquista la seconda vittoria dell’anno e ad Abu Dhabi la terza. Nelle ultime tappe del campionato si intensifica la rivalità con Felipe Massa; i due si chiariranno solamente al termine del Gran Premio del Brasile.

Hamilton inizia la stagione 2012 in modo positivo, conquistando la pole position nel Gran Premio d’apertura in Australia. Il pilota inglese, ormai pronto a lasciare la McLaren conquista 3 podi e 4 vittorie. Una stagione piena alti e di ritiri. A fine stagione è quarto con 190 punti.
Il 2013 è l’anno del cambiamento, Lewis Hamilton decide di lasciare la scuderia che gli ha fatto vincere il suo primo mondiale ed approda alla Mercedes al posto di Michael Schumacher. Non è una stagione di grande livello, ma la monoposto non è la migliore del mondiale. Conquista 4 podi e riesce a vincere in Ungheria. il 2013 si chiude con un 4° posto in classifica costruttori.
2014 tutto da scrivere con macchine completamente nuove. La Mercedes sfrutta le importanti novità tecniche introdotte per guadagnare un importante vantaggio sulla concorrenza. La superiorità tecnica della scuderia tedesca è evidente già dai test invernali. Tutto il campionato è incentrato sulla lotta interna tra il pilota inglese e il compagno Nico Rosberg. Tanti duelli e molte doppiette regalano però il titolo iridato a Lewis Hamilton, che proprio all’ultima gara conquista la corona.
Anche nel 2015 la Mercedes si rivela la monoposto migliore del lotto sin dai test invernali. Hamilton inizia la stagione cogliendo pole position e vittoria nel Gran Premio d’Australia, precedendo il compagno di squadra Rosberg sia in griglia di partenza che sul traguardo.
Una serie di sucessi con 10 vittorie all’attivo e 7 podi regalano il terzo campionato del mondo piloti.

Attività agonistiche:
Karting 1993/2001
2002 F. Renault inglese 3 °
F. Renault 2003 inglese 1 °
F3 Euroseries 2004
F3 Euroseries 2005 1 °
GP2 Series 2006 1 ° – Formula 1 (McLaren) collaudatore
2007 di Formula 1 (McLaren) 2 ° 109 Punti 
2008 Formula 1 (McLaren) 1 ° 98 Punti
2009 Formula 1 (McLaren) 5 ° 49 Punti
2010 Formula 1 (McLaren) 4° 240 Punti
2011 Formula 1 (McLaren) 5° 227 Punti
2012 Formula 1 (McLaren) 4° 190 Punti
2013 Formula 1 (Mercedes) 4° 189 Punti
2014 Formula 1 (Mercedes) 1° 384 Punti
2015 Formula 1 (Mercedes) 1° 381 Punti