Quanto guadagnano i piloti di Formula 1?

Tutti i giorni ci troviamo a parlare degli altissimi ingaggi che percepiscono i calciatori, accusati, criticati e, perché no, invidiati dai comuni mortali. Anche i piloti di Formula 1 non sono da meno, ma alla vista degli appassionati, un corridore a due o quattro ruote, ogni volta che scende in pista rischia la vita, mentre un calciatore al massimo può rompersi una gamba. Se a inizio anno l’argomento era stato dibattuto ed era affiorato che Fernando Alonso e Lewis Hamilton erano i piloti più pagati del 2014, quando siamo quasi a metà campionato Automoto.it ha raccolto qualche dato e ha stilato la classifica dei Paperoni della Formula 1. In testa, oltre allo spagnolo della Ferrari e al britannico della Mercedes, troviamo anche il campione in carica Sebastian Vettel.

Sebastian Vettel – 22 milioni di euro
Fernando Alonso – 22 milioni di euro
Kimi Raikkonen – 22 milioni di euro
Lewis Hamilton – 20 milioni di euro
Jenson Button – 16 milioni di euro
Nico Rosberg – 12 milioni di euro
Felipe Massa – 4 milioni di euro *
Nico Hulkenberg – 4 milioni di euro*
Romain Grosjean – 3 milioni di euro
Pastor Maldonado – 3 milioni di euro*
Sergio Perez – 3 milioni di euro*
Adrian Sutil – 2 milioni di euro*
Kevin Magnussen – 1 milione di euro
Valtteri Bottas – 1 milione di euro
Daniel Ricciardo – 750 mila euro**
Jean-Eric Vergne – 750 mila euro
Jules Bianchi – 500 mila euro
Esteban Gutierrez – 400 mila euro
Daniil Kvyat – 250 mila euro
Max Chilton – 250 mila euro
Kamui Kobayashi – 150 mila euro*
Marcus Ericsson – 150 mila euro*

*Si tratta di cifre derivanti dalla percentuale portata dagli sponsor
** Era lo stipendio della Toro Rosso che è stato però ampliato nel nuovo contratto Red Bull

Autore

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *