Home / Gran Premio Austria / GP Austria Formula 1 2014: previsti due Pit Stop per la gara

GP Austria Formula 1 2014: previsti due Pit Stop per la gara

Spielberg, 20 giugno 2014 – Le squadre hanno avuto oggi un assaggio delle mutevoli condizioni climatiche che caratterizzano la Stiria, la regione in cui sorge il Red Bull Ring. Le prime prove libere sono, infatti, state bagnate dalla pioggia, mentre la seconda sessione si è tenuta in condizioni di asciutto, permettendo a Lewis Hamilton, Mercedes, di segnare un ottimo tempo di 1m09.542s, con pneumatici P Zero Red supersoft, nominati insieme ai P Zero Yellow soft per questo fine settimana.

Anche se la pioggia ha reso più “verde” la pista, riducendo il grip, questa combinazione di mescole sembra ben adattarsi al Red Bull Ring. Usura e degrado si sono mantenuti all’interno dei parametri previsti, con un po’ di graining sulle gomme soft e sulla parte posteriore delle gomme supersoft. Questo fenomeno dovrebbe ridursi nel corso del weekend.

Il Red Bull Ring è un circuito corto e con basse velocità, il che significa che in un giro non viene scaricata troppa energia sulle gomme. Ciò rende la supersoft, che ad oggi è circa 0,6 secondi più veloce della soft, una gomma molto valida anche per la gara, oltre che per la qualifica.

I dati analizzati fanno prevedere due pit stop. Per il resto del weekend sono attese temperature più alte, anche se resta la possibilità di pioggia localizzata.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli, ha commentato:Nonostante la pista “verde”, l’usura e il degrado sono stati bassi, in particolare, sulle mescole soft. In gara avremo sicuramente il giusto equilibrio per le gomme: degrado sufficiente per rendere le cose interessanti ma non più di due pit stop per la maggior parte dei piloti.
Anche se il circuito è completamente nuovo, crediamo che la scelta degli pneumatici sia quella giusta, simile a quella fatta in Canada.
Abbiamo visto alcune notevoli differenze nell’usura delle gomme posteriori tra i vari Team, ci aspettiamo che anche questo fenomeno si riduca domani dopo che le varie squadre avranno analizzato i dati. Anche noi studieremo tutte le informazioni stanotte, in preparazione di quella che si prospetta una sessione di qualifiche davvero ravvicinata”.

FP1: FP2:
Rosberg  1m11.295s  Soft nuova Hamilton  1m09.542s  Supersoft nuova
Hamilton  1m11.435s  Soft usata Rosberg  1m09.919s  Supersoft nuova
Alonso  1m11.606s  Soft nuova Alonso  1m10.470s  Supersoft nuova

Gli pneumatici Pirelli non hanno mai vinto il Gran Premio d’Austria. Il miglior risultato ottenuto con le gomme Pirelli risale al 1983: un quinto posto con Nigel Mansell alla guida di una Lotus, in un anno di transizione per la squadra dopo la morte di Colin Chapman e l’adattamento del motore turbo Renault. Quell’anno Pirelli gommava anche la Toleman: la Scuderia con cui Ayrton Senna avrebbe fatto il suo debutto un anno dopo.

L’ultimo Gran Premio d’Austria si è disputato nel 2003: Ferrari è l’unico Team i cui due piloti presero parte a quell’ultima gara.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Pirelli Press Area

Pirelli Press Area

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Hamilton: “Ci sono stati alcuni episodi non chiari all’interno del team”

Mentre Rosberg si gode la vittoria del titolo e l’inizio di una ...