Fernando Alonso e la ripartenza da fermi: «Per me non c’è differenza»

Nella settimana appena trascorsa sono state approvate a Monaco di Baviera le nuove norme che entreranno a far parte del calendario 2015 della Formula 1. Tra modifiche tecniche, rivolte allo spettacolo o alla riduzione dei costi, una di quelle che ha tenuto maggiormente banco e che è stata maggiormente discussa riguarda la decisione di ripartire da fermi nel momento in cui la safety car rientrerà ai box. I piloti, come se si trattasse di un nuovo avvio, si schiereranno sulla griglia di partenza nell’ordine in cui si trovavano nel momento in cui era presente in pista la vettura di sicurezza.

Se alcuni piloti saranno sicuramente contrari a questa nuova normativa, che almeno sulla carta potrebbe far perdere loro parecchie posizioni, magari a seguito di un guasto tecnico, Fernando Alonso ha ammesso di non avere preferenze a riguardo dell’argomento: «Quando ho iniziato a correre in monoposto si ripartiva come si fa adesso e non ho nessuna idea di come potrebbero essere le cose se si cambiasse – ha raccontato lo spagnolo – In go kart, quando c’era una bandiera rossa, effettuavamo di nuovo una partenza con il semaforo. Ho provato entrambi e per me non ci sarebbe alcuna differenza».

Fernando Alonso e la ripartenza da fermi: «Per me non c’è differenza» ultima modifica: 2014-06-28T14:19:28+00:00 da Eleonora Ottonello

Autore

Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *