Home / Formula 1 2014 / Consiglio Mondiale FIA 2014: le nuove regole per il 2015

Consiglio Mondiale FIA 2014: le nuove regole per il 2015

Come se quelle introdotte nel 2014 non fossero abbastanza, le novità non mancheranno nemmeno nella prossima stagione. Il Consiglio Mondiale dello Sport della Fia, riunitori ieri a Monaco di Baviera, ha approvato alcune importanti modifiche in visione del prossimo campionato, soprattutto per aiutare i team più piccoli nella riduzione dei costi. Una delle più importanti però, riguarda il momento della gara e la decisione di ripartire da fermi, con un nuovo avvio, sulla griglia di partenza dopo il rientro ai box della safety car. Vediamole assieme.

Ripartenza da fermi con la safety car – Anche se già nei giorni scorsi se ne era ampiamente parlato, ora è ufficiale. La Federazione ha approvato la normativa che modifica la ripartenza delle vetture dopo che la safety car. I piloti, come se si trattasse di un nuovo avvio, si schiereranno sulla griglia di partenza nell’ordine in cui si trovavano nel momento in cui era presente in pista la vettura di sicurezza. Il provvedimento però non sarà valido nei primi due giri di una gara e nelle ultime cinque tornate.

Quattro motori in un anno – A differenza degli attuali cinque, nel 2015, ciascun pilota avrà a disposizione solo quattro power unit: nel caso i piloti devono sostituire l’unità non saranno più obbligati a partire dalla pit lane ma dal fondo della griglia di partenza.

Ridotti i test – Se nello scorso anno i team avevano urlato alla necessità di avere la possibilità di effettuare più test in pista, per contenere i costi, la prossima stagione, il loro numero verrà ridimensionato. Se i test in-season saranno appena due sessioni da due giorni da svolgersi in Europa, quelli invernali saranno composti da tre sessioni da quattro giorni ciascuno da effettuarsi nel vecchio continente mentre nel 2016 il numero si ridurrà ancora, arrivando a due sessioni da quattro giorni. E la riduzione dei test riguardano anche il lavoro della Galleria del Vento, ridotto da 80 a 65 ore settimanali con le simulazioni di studio al Computational Fluid Dynamics ridotto da 30 a 25 teraflops.

Restano le termocoperte – Il divieto di utilizzo di termocoperte viene vietato dalla Fia che decide di tenere la soluzione utile a mandare in temperatura le gomme.

Parco chiuso dalle libere 3 – Eravamo abituati all’inizio del parco chiuso appena chiusa la sessione di qualifica ma dal prossimo mondiale si cambia: la restrizione partirà dall’inizio della terza sessione di prove libere che si svolgono il sabato mattina.

Coprifuoco del personale – L’impossibilità di lavorare sulle macchine da parte dei membri del team sarà estesa da 6 a 7 ore nel 2015 mentre nel 2016 salirà a 8 ore.

Modifiche al regolamento tecnico – Sono state approvate anche alcune modifiche al regolamento tecnico: se sono state approvate le modifiche alle misure minime dei musi per venire incontro alla sicurezza e evitare soluzioni esteticamente poco gradevoli (come lo scalino), è stato deciso che i dischi freno dovranno ruotare alla stessa velocità delle gomme mentre i team dovranno sperimentar un nuovo sistema di fissaggio della ruota che dovrà essere a due stadi.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Vige il silenzio sul tragico incidente di Jules Bianchi

Durante il Gran Premio del Giappone del 2014, sotto una pioggia spaventosa, ...