Home / Formula 1 2014 / GP Spagna-prove libere: Hamilton inarrestabile. Ancora dominio Mercedes

GP Spagna-prove libere: Hamilton inarrestabile. Ancora dominio Mercedes

Ancora Mercedes, ancora dominio delle frecce d’argento. Lewis Hamilton è stato il più veloce nel primo turno di prove libere del Gran Premio di Spagna. Il britannico, che ha fermato il cronometro sul tempo di 1’27″109, ha messo le proprie ruote davanti alla McLaren di Jenson Button, secondo, staccato di quasi nove decimi dalla W05 di Hamilton. Terzo tempo per la Red Bull di Daniel Ricciardo, ancora una volta davanti a Vettel che è riuscito a percorrere appena 4 giri con la RB10 perché è stato fermato da un problema elettrico. Quarto crono per la F14T di Fernando Alonso, ad oltre un secondo dalla Mercede, che ha effettuato prove aerodinamiche e di messa a punto.

Nico Rosberg chiude in quinta posizione, con il tedesco che ha potuto completare solo nove giri a causa di un guaio di raffreddamento dell’ERS mentre in sesta posizione troviamo l’altra Rossa, quella di Kimi Raikkonen, che ha provato due alettoni posteriori diversi. Settimo tempo per la McLaren di Kevin Magnussen, seguito dalla Lotus di Pastor Maldonado, ottavo. Chiudono la top ten la Force India di Sergio Perez, nono, e la Williams di Felipe Massa, decimo.

GP Spagna, libere 1: i tempi

1. Lewis Hamilton         Mercedes              1:27.023s           17
2. Jenson Button          McLaren-Mercedes      1:27.891s  +0.868s  26
3. Daniel Ricciardo       Red Bull-Renault      1:27.973s  +0.950s  21
4. Fernando Alonso        Ferrari               1:28.128s  +1.105s  23
5. Nico Rosberg           Mercedes              1:28.168s  +1.145s   9
6. Kimi Raikkonen         Ferrari               1:28.337s  +1.314s  19
7. Kevin Magnussen        McLaren-Mercedes      1:28.423s  +1.400s  27
8. Pastor Maldonado       Lotus-Renault         1:28.744s  +1.721s  34
9. Sergio Perez           Force India-Mercedes  1:28.779s  +1.756s  18
10. Felipe Massa          Williams-Mercedes     1:28.791s  +1.768s  13
11. Daniil Kvyat          Toro Rosso-Renault    1:28.792s  +1.769s  24
12. Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes  1:28.828s  +1.805s  17
13. Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Renault    1:28.859s  +1.836s  24
14. Felipe Nasr           Williams-Mercedes     1:29.272s  +2.249s  15
15. Adrian Sutil          Sauber-Ferrari        1:29.688s  +2.665s  16
16. Jules Bianchi         Marussia-Ferrari      1:29.820s  +2.797s  22
17. Romain Grosjean       Lotus-Renault         1:29.444s  +2.421s  21
18. Giedo van der Garde   Sauber-Ferrari        1:30.440s  +3.417s  21
19. Max Chilton           Marussia-Ferrari      1:30.748s  +3.725s  19
20. Sebastian Vettel      Red Bull-Renault      1:30.942s  +3.919s   4
21. Kamui Kobayashi       Caterham-Renault      1:30.997s  +3.974s  22
22. Marcus Ericsson       Caterham-Renault      1:31.421s  +4.398s  22

Niente cambia nella seconda ora di prove libere con le Mercedes ancora davanti a tutti. Lewis Hamilton chiude ancora davanti alla W05 gemella di Nico Rosberg, secondo staccato di quattro decimi. Confermato al terzo posto Daniel Ricciardo, che con Vettel ancora fuori per problemi elettrici si è dovuto sobbarcare tutto il lavoro di sviluppo. Quarto e quinto crono per le Ferrari di Fernando Alonso e Kimi Raikkonen: il ritmo della F14T è sembrato abbastanza buono per pensare di potersi giocare il podio con la RB10 di Ricciardo. Sesto e settimo tempo per le McLaren di Kevin Magnussen e Jenson Button mentre chiudono la top ten la Williams di Felipe Massa, ottavo, la Lotus di Pastor Maldonado, nono, e la Toro Rosso di Daniil Kvyat, decimo.

GP Spagna, libere 2: i tempi

1. Lewis Hamilton         Mercedes              1:25.524s           33
2. Nico Rosberg           Mercedes              1:25.973s  +0.449s  36
3. Daniel Ricciardo       Red Bull-Renault      1:26.509s  +0.985s  38
4. Fernando Alonso        Ferrari               1:27.121s  +1.597s  33 
5. Kimi Raikkonen         Ferrari               1:27.296s  +1.772s  33
6. Kevin Magnussen        McLaren-Mercedes      1:27.788s  +2.264s  37
7. Jenson Button          McLaren-Mercedes      1:27.811s  +2.287s  29
8. Felipe Massa           Williams-Mercedes     1:27.824s  +2.300s  31
9. Pastor Maldonado       Lotus-Renault         1:27.866s  +2.342s  42
10. Daniil Kvyat          Toro Rosso-Renault    1:28.049s  +2.525s  35
11. Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes  1:28.074s  +2.550s  31
12. Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Renault    1:28.246s  +2.722s  30
13. Adrian Sutil          Sauber-Ferrari        1:28.284s  +2.760s  33
14. Valtteri Bottas       Williams-Mercedes     1:28.698s  +3.174s  33
15. Esteban Gutierrez     Sauber-Ferrari        1:29.105s  +3.581s  24
16. Sergio Perez          Force India-Mercedes  1:29.129s  +3.605s  34
17. Romain Grosjean       Lotus-Renault         1:29.463s  +3.939s  26
18. Jules Bianchi         Marussia-Ferrari      1:29.991s  +4.467s  26
19. Max Chilton           Marussia-Ferrari      1:31.148s  +5.624s  28
20. Kamui Kobayashi       Caterham-Renault      1:31.338s  +5.814s  38
21. Marcus Ericsson       Caterham-Renault      1:31.586s  +6.062s  39

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Vige il silenzio sul tragico incidente di Jules Bianchi

Durante il Gran Premio del Giappone del 2014, sotto una pioggia spaventosa, ...