GP Spagna 2014, Vettel fermato da un problema elettrico

Lo aveva annunciato con largo anticipo Rob Marshall, capo progettista della Red Bull. Per l’appuntamento del Gran Premio di Spagna, Sebastian Vettel avrebbe avuto a disposizione un nuovo telaio, una scelta programmata da tempo e che non ha a che fare con gli ultimi risultati ottenuti del quattro volte iridato. Forse si sperava di riparare alle carenze e, perché alla sfortua, avuta da Vettel, eppure il tedesco si è fermato ancora.

Il pilota della Red Bull ha dovuto affrontare un venerdì di prove libere dal sapore agro-dolce. Se Ricciardo ha mostrato come la RB10 possa puntare tranquillamente all’ultimo gradino del podio, la vettura di Vettel è stata costretta a fermarsi a bordo pista dopo 4 giri nelle prove libere 1 a causa di un guasto all’impianto elettrico che gli è valsa anche la presenza nelle libere 2: «Abbiamo avuto un piccolo problema che ha mandato in cortocircuito la centralina e ciò ha inficiato tutto il nostro venerdì, perché non ho potuto prendere parte alle prove – ha confermato Vettel – E’ la prima volta che subiamo un guasto in quell’area, ma per fortuna è successo oggi e non durante la gara. Ovviamente, abbiamo perso l’oportunità di preparaci con due vettura per domenica e ora devo fare affidamento solo su quanto ha fatto Daniel. Spero di poter prendere il ritmo giusto domani mattina».

Autore

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*