Home / Piloti / Fernando Alonso / Fernando Alonso nei sogni di Ron Dennis: «Sarebbe il benvenuto»

Fernando Alonso nei sogni di Ron Dennis: «Sarebbe il benvenuto»

Nel 2007 è stato praticamente la sua bestia nera, ma dopo altre sette stagioni, lo spagnolo occupa i suoi sogni sportivi. È appena il sesto appuntamento mondiale della stagione e nonostante la calma piatta del campionato, con le Mercedes sempre più dominatrici incontrastate dell’annata, il mercato tecnici/piloti è in pieno fermento e Fernando Alonso sembra essere il centro di tutte queste voci. Non passa un giorno in cui lo spagnolo non venga accostato a un team rivale della Ferrari, sia questo la McLaren, la Mercedes o la Red Bull. Anche quando la BBC ha affermato che Rosberg avrebbe raggiunto l’accordo per il rinnovo con le frecce d’argento, i rumors non si sono fermati. Tanti sono stati gli attestati di stima giunti a Fernando, tutti rigorosamente rigettati da Montezemolo ma anche da Flavio Briatore, procuratore del pilota che, lo scorso giovedì, ha affermato che l’asturiano ha un contratto con la Ferrari e lo rispetterà a meno che «non arrivi qualcosa di straordinario».

E se Alonso dovesse lasciare veramente la Ferrari, il team maggiormente accreditato per un suo arrivo resterebbe la McLaren. I contatti tra il ferrarista e il team di Woking ci sono stati, già dal 2013, quando ancora al comando del team si trovava Martin Whitmarsh. La conferma è arrivata da Kevin Eason, corrispondente della Formula 1 per il Times. Il ritorno in McLaren di Alonso ha un caposaldo, la Honda, che non ha mai nascosto di desiderare un top driver, di volere Fernando come suo uomo. Ma lo spagnolo ritroverebbe Ron Dennis al comando del team, come nel 2007, quando decise di andare via proprio per incompatibilità con l’allora boss. Eppure l’inglese sembra essersi rigettato tutto alle spalle: «Fernando sarebbe il benvenuto se tornasse alla McLaren, se tornasse non avrei alcun problema, la cosa importante per noi è tornare a vincere – ha affermato ai media italiani Dennis – Ci serve un grande pilota per mettergli a disposizione la potenza dei motori Honda».

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Aldo Costa allontana l’ipotesi Alonso e sostiene Wehrlein

Non è un segreto che i rapporti tra Fernando Alonso e Aldo ...