Home / Formula 1 2014 / Continua l’egemonia Mercedes. Ferrari già proiettata al 2015

Continua l’egemonia Mercedes. Ferrari già proiettata al 2015

Cambiando la gara da correre il vincitore non cambia. E’ Finita la prima gara europea della stagione e già si prospetta chi sia il vincitore di quest’annata. Lewis Hamilton ha conquistato la sua quarta gara consecutiva davanti al suo compagno di squadra Nico Rosberg dopo una battaglia che si è infiammata nelle ultime tornate. Oggi le due Mercedes hanno fatto una gara perfetta sorprendendo tutti tanto da dare a Ricciardo (Il primo degli umani) ben 50″ e doppiare il settimo pilota cioè Kimi Raikkonen e per poco non divorare anche lo spagnolo Fernando Alonso. Quest’anno le due frecce d’argento stanno veramente dominando, hanno creato una vettura capace di divorare letteralmente la strada e tutte le altre competitrici per il titolo. Non solo, la scuderia tedesca ha trovato anche un vero capitano che con questa vettura riesce a fare quello che vuole perfino doppiare una Ferrari. Una Ferrari che oggi sembra essere la stessa del Bahrain e che se prendiamo in considerazione la prima gara possiamo notare che la casa maranellese è addirittura peggiorata. Ma ormai la stagione della rossa pare essere già finita infatti gli ingegneri italiani ha mandato la vettura utile per il 2015 nella galleria del vento, passo che si dovrebbe compiere in estate inoltrata, e questo sottolinea quanto rammarico ci sia e che ormai il progetto della F14 T sia tramontato sul nascere. Il passo gara di oggi era inferiore di due secondi rispetto alle prime due e anche per quanto riguarda la Red Bull si perdeva qualcosa. Altri due piloti che si sono distinti nel week-end spagnolo sono stati i due della Red Bull. Con Ricciardo che ha ottenuto il suo primo podio facendo una gara molto semplice e senza preoccupazioni. Poi c’è il campione Sebastian Vettel che dopo aver avuto delle qualifiche molto complicazioni e dopo esser stato retrocesso di 5 posizioni per la sostituzione del cambio, ha compiuto una grandissima rimonta arrivando fino al 5° posto.

Mercedes irrecuperabile: La Mercedes oggi ha riconfermato la sua supremazia. Ancora una volta c’è stata una battaglia per il primo posto con Rosberg che ha provato in tutti i modi di essere davanti al suo compagno di squadra fino all’ultimo giro, ma alla fine si è dovuto piegare. Per ora la Mercdes sembra irraggiungibile e non si vede qualcuno che la possa recuperare. Dopo tanti anni la Mercedes può vincere il titolo e probabilmente ci riuscire.

Red Bull prima degli umani: In spagna i dirigenti della casa austriaca avevano promesso che avrebbero superato la Ferrari è in effetti ci è riuscita con entrambi i piloti. Anche se nelle prove hanno avuto qualche problema i meccanici non si sono abbattuti e domenica hanno dato ai loro piloti una macchina capace di poter essere tra i primi dei non alieni

Ferrari speranze tramontate: Ennesima brutta figura delle due rosse che dopo il podio della Cina sembrava aver recuperato un qualcosa in più. La Ferrari non ha potuto far altro che combattere con se stessa, anche se in quelle battaglie ci sono state tante emozioni. Montezemolo ha detto che in Canada ci saranno grosse novità ma sarà difficile che la situazione possa cambiare, infatti come detto prima il progetto della macchina attuale sta per essere accantonato e invece sullo sviluppo della nuova vettura si è molto più avanti. Allora in base alla sofferenza che abbiamo ora ci chiediamo quanto ancora possiamo aspettare per vedere una Ferrari almeno che possa competere con i primi (Ricordo che stiamo parlando della Ferrari la squadra più vincente di questo sport).

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Gaetano Lucchina

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Vige il silenzio sul tragico incidente di Jules Bianchi

Durante il Gran Premio del Giappone del 2014, sotto una pioggia spaventosa, ...