Chi vince in Spagna è (generalmente) campione del mondo!

Quella del Gran Premio di Spagna è stata una doppia vittoria per Lewis Hamilton. Oltre ad aver superato Nico Rosberg in classifica piloti, una mazzata non tanto dal punto di vista della matematica quanto da quello psicologico, il britannico ha posato la prima pietra verso la conquista di un titolo che sembra destinato proprio al pilota inglese. La gara di Montmelò, per tradizione l’appuntamento di apertura della stagione europea, è una specie di crocevia per i piloti e i team. Dopo i primi Gran Premi extra continentali, col la corsa iberica le scuderie iniziano a portare aggiornamenti importanti sulle proprio monoposto, i piloti iniziano a consolidare le proprie posizioni nel mondiale.

In ben 19 occasioni fin dal suo debutto nel campionato, chi è uscito dal Gran Premio di Spagna in testa alla classifica è stato il pilota che a fine stagione si è aggiudicato il campionato, un risultato che è andato calando soprattutto negli ultimi anni con le più recenti vittorie di Maldonado, nel 2012, e di Alonso, nel 2013, che poi non si sono confermati come vincitori del mondiale. Se nelle prime due edizioni la gara iberica ha rappresentato la tappa conclusiva del campionato, è tornato a svolgere il ruolo di bocca della verità del mondiale anche tra il 1987 e il 1991. Fino ad ora, ci sono riusciti Fangio (1951), Graham Hill (1968), Stewart (1969 e 1971), Hunt (1976), Andretti (1978), Mansell (1992), Prost (1993), Schumacher (1995, 2001-2004), Villeneuve (1997), Hakkinen (1998-1999), Alonso (2006), Button (2009) e Vettel (2011).

Autore

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *