Home / Gran Premio Bahrain / Gp Bahrain F1 2014: Pirelli fa il punto sulle gomme dopo i primi due gp
Gp Bahrain F1 2014: Pirelli fa il punto sulle gomme dopo i primi due gp

Gp Bahrain F1 2014: Pirelli fa il punto sulle gomme dopo i primi due gp

Bahrain, 4 aprile 2014 – Il direttore Motorsport Pirelli Paul Hembery ha fatto il punto sulle caratteristiche del range di pneumatici 2014, in un incontro con la stampa accreditata in circuito, svoltosi oggi in Bahrain, dove le mescole P Zero White medium e P Zero Yellow soft
sono le protagoniste del week end di gara.
Ecco in 10 punti le principali caratteristiche degli pneumatici sviluppati da Pirelli per il
campionato in corso.

1. Più energia scaricata sulle gomme dallo slittamento
Pirelli ha innovato le mescole e i profili del range di gomme da asciutto per far fronte al maggior pattinamento e al minor carico aerodinamico. Paul Hembery: “Le vetture slittano di più quest’anno e ciò ha un effetto sulla prestazione degli pneumatici. L’energia trasmessa alle gomme dalle nuove vetture è inferiore solo del 5% rispetto allo scorso anno, ma invece che provenire dall’accelerazione laterale in curva, parte di questa energia proviene dallo scivolamento”. Il che comporta maggior degrado termico.

2. Ridotti i marbles in pista
Questo era uno degli obiettivi di Pirelli ed è stato centrato.
Paul Hembery: “Ne abbiamo visto qualcuno in Malesia, ma non è un dato indicativo, essendo quella pista particolarmente abrasiva”.

3. Gomme da bagnato: minor aquaplaning e più prestazioni 
Pirelli ha rinnovato le mescole e il disegno delle gomme wet.
Paul Hembery: “In Malesia abbiamo notato che il punto di cross over (ovvero, il momento nel quale passare da una gomma all’altra) con le intermedie si è ravvicinato e questo rende la wet utilizzabile in più occasioni. Inoltre, non abbiamo avuto alcuna evidenza di aquaplaning. La gomma disegnata per questa stagione funziona addirittura meglio con le temperature più basse: nei test sul bagnato a Barcellona ha fatto registrare tempi sul giro inferiori di tre secondi rispetto alla versione precedente”.

4. Graining diminuito
Tutte le mescole impiegate finora in Campionato (solo la supersoft non è stata utilizzata) hanno mostrato meno graining. “Il fenomeno – ha spiegato Hembery – tende a sparire dopo pochi giri”.

5. Spiattellamenti spariti
Benchè il bloccaggio in frenata sia maggiore quest’anno, si vedono meno spiattellamenti grazie alle nuove mescole.

6. In media gare a 2 pit stop
Con così tante novità sulle vetture 2014, è stato solo in Malesia che la strategia pneumatici è davvero emersa.
Paul Hembery: “Hulkenberg ha completato la gara con sole due soste, mentre la nostra previsione era di tre pit-stop. Considerata la rapida evoluzione delle vetture di quest’anno, vedremo sempre più gare a due soste.

7. Perchè il degrado è importante
L’usura è il consumo fisico dello pneumatico, ed è stata ridotta in modo sostanziale quest’anno (per questo si hanno meno marbles). Il degrado è un’altra cosa: è la perdita di prestazione sul giro degli pneumatici.
Paul Hembery: “E’ strano quando i piloti parlano di degrado: è un fenomeno necessario; se non ci fosse non avremmo nessun pit stop. E’ un
parametro essenziale per creare la strategia“.

8. Pneumatici meno stressati di prima
Nonostante la maggiore coppia, l’impronta dello pneumatico posteriore non è sottoposta agli stress dello scorso anno – grazie alle nuove costruzioni.
Paul Hembery: “Possiamo vedere questo cambiamento nei profili di usura: sono leggermente concentrati al centro dello pneumatico.

9. Differenze prestazionali nella norma tra le due mescole
Pirelli mira ad avere una differenza di un secondo tra tutte le mescole. Obiettivo
raggiungibile entro la fine dell’anno.
Paul Hembery: “Siamo rimasti un po’ sorpresi dal divario tra la mescola dura e quella media, che è stato di un secondo e mezzo in Malesia.
Questo è stato dovuto ad un minore livello di carico aerodinamico rispetto all’inizio della stagione: la gomma dura non è sollecitata tanto come in passato, per questo scivola di più. Miglioramenti nelle prestazioni renderanno questo divario minore“.

10. Più vetture in pista
Pirelli ha messo a disposizione set di pneumatici extra per la FP1 e la Q3; ciò ha portato ad avere più vetture in pista.
Paul Hembery: “L’obiettivo è stato raggiunto. Nella prima mezz’ora della FP1, le squadre hanno fatto 10 o 12 giri con le gomme extra, ma potevano farne molti di più. La nostra intenzione era quella di avere tutte le vetture top nella Q3, per i fan, senza penalizzare gli altri.”

BAHRAN: PROVE LIBERE DEL VENERDI’
Durante le FP1 e FP2 in Bahrain, il gap prestazionale tra le medium e le soft è stato di oltre un secondo. Si è registrato un basso livello di usura, e poco degrado termico sulle gomme soft, che porta ad ipotizzare una gara a due soste.

Paul Hembery: “Abbiamo visto una differenza di prestazioni tra la mescola medium e la soft di oltre un secondo. Ma dobbiamo aspettare fino a domani per avere un’idea più chiara del gap che avremo in gara.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Pirelli Press Area

Pirelli Press Area

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

test pneumatici 2017 ferrari

Formula 1 | TEST Abu Dhabi 2016, Pirelli: terminati i test con pneumatici 2017

L’ultimo giorno dei test con pneumatici in versione 2017 (su un totale ...