Neale nuovo team principal della McLaren senza main sponsor

È durato poco Martin Whitmarsh, tanto meno la dirigenza della McLaren ha saputo accettare la fallimentare stagione 2013, la peggiore nella storia delle Frecce d’Argento. Proprio oggi la McLaren ha informato di aver trovato un sostituto per l’inglese: Jonathan Neale sarà un team principal ad interim mentre Eric Boullier avrà il ruolo di Racing Director. La conferma arriva direttamente da Ron Dennis tornato alla guida della McLaren in qualità di CEO. Il britannico ha anche sottolineato come, nonostante ci fosse stata la possibilità di assumere momentaneamente il ruolo sul muretto, l’idea non gli sarebbe nemmeno balzata alla testa: «Jonathan Neale è stato nominato team principal ad interim e accetta il fatto che il suo è un compito che va approvato di giorno in giorno – ha spiegato Dennis – Sono pienamente coinvolto in questo momento, ma non avrò un ruolo attivo sul circuito. Sarò lì ad osservare».

E quello attuale, per la McLaren, non è propriamente un momento positivo visto che la MP4-29, dopo la fine del rapporto di collaborazione con la Vodafone, ha annunciato che correrà in Australia senza un title sponsor sulla carrozzeria: «Le nostre vetture non avranno un title sponsor al primo Gp, ma sicuramente ne avremo uno nelle gare successive – ha dichiarato il Ceo delle Frecce d’Argento – So che possiamo fare bene, trovando anche il giusto riconoscimento da uno sponsor».

Autore

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *