Home / Formula 1 2014 / Le ONG scrivono alla Fia: «Sospendete il GP del Bahrain!»

Le ONG scrivono alla Fia: «Sospendete il GP del Bahrain!»

Ogni anno è sempre la stessa storia e la Formula 1, continua a essere sorda nei confronti delle richieste della popolazione bahrenita. Nonostante Sakhir abbia già ospitato ben due sessioni delle tre totali, la tensione in Bahrain non si allenta. Poco prima dei test, ventisei persone sono state arrestate: le violenze e le manifestazioni di dissenso non si sono mai fermate. In occasione delle celebrazioni per il terzo anniversario della rivolta del 2011 sono divampati scontri a fuoco tra civili e forze di polizia con un gendarme rimasto ucciso dopo un’esplosione di una bomba nel villaggio di Dair, a circa 30 chilometri dal Bahrain International Circuit.

La situazione dei diritti umani e civili in Bahrain non è cambiata e rimane critica tanto che lo scorso 14 gennaio diverse ONG come il Bahrain Center for Human Rights, l’Americans for Democracy and Human Rights in Bahrain e il Bahrain Institutes for Rights and Democracy hanno scritto una lettera a Jean Todt, presidente della Fia, per chiedere che il Gran Premio del Bahrain fosse annullato. Da quel poco che è trapelato, il piccolo Emirato è letteralmente tenuto in scacco con la Formula 1 a Sakhir: villaggi cintati da filo spinato, posti di blocco della polizia, uso spropositato di gas lacrimogeni e arresti di massa.

L’edizione 2011 del Gran Premio non venne disputata proprio a causa dei violenti tumulti, mentre nel 2012, la Force India aveva deciso che non avrebbe preso parte alle prove libere del venerdì per permettere ai propri dipendenti di rientrare anticipatamente in albergo.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Vige il silenzio sul tragico incidente di Jules Bianchi

Durante il Gran Premio del Giappone del 2014, sotto una pioggia spaventosa, ...