Home / Formula 1 2014 / Jean Alesi: «Siamo in un’epoca buia della F1»

Jean Alesi: «Siamo in un’epoca buia della F1»

Jean Alesi è presente al salone di Ginevra dove sarà presentata la nuova California T e da ex pilota ferrarista il francese ha voluto esprimere la sua sulla nuova Formula 1 perché sarà il commentatore del canale francese Canal+: «La Formula 1 è diventata molto complicata e impegnativa. Da troppo tempo si avevano delle macchine affidabili e su cui si poteva contare pienamente, ma ora non è più così petrchè stiamo attraversando un ciclo, che ho calcato anche io, dove non si sa quanto potrà durare la vettura dal momento in cui l’hai messa in moto. In più le nuove regole hanno inserito grande scompiglio in questo sport visto che hanno imposto un salto molto lungo che la gamba non può fare. – parla poi della sua opinione test appena concusi – In queste sessioni abbiamo appreso che la tecnologia ha rimpiazzato definitavamente il pilota. Questo sport è troppo sofisticato, siamo entrati in una nuova era della Formula 1 dove l’importante è che la macchina corra».

Continua dicendo il suo pensiero a proposito della direzione che sta intraprendendo il Circus: «Non sono d’accordo ma il motivo è elementare: Il pilota non è più padrone della gara che dovrà correre e non può più operare un sorpasso se è in condizione di eseguirlo perché è solo parte aggiunta della monoposto. L’abilità nel guidare non è più così fondamentale ma d’altronde ora si va forte se si conoscono tutte le potenzialità della vettura. Ho condiviso la scelta di Kimi Raikkonen quando parlando di questa nuova era ha detto che ormai la Formula 1 non è solo più difficile per i protagonisti che stanno sul tracciato ma anche per i meccanici che per fare anche un piccolo intervento devono perdere molto tempo. Ogni cosa può andare e storto e far terminare la gara al pilota, l’epoca che stiamo vivendo è buia è piena di incertezze» Infatti come nel 1300 con la peste la tecnologia sta distruggendo l’essenza e la magia di questo sport.

Nella seconda parte si parla delle principali contendenti al titolo di questo mondiale: «Vedo come favorita la Mercedes ma tutto questo non è casuale visto che citando le parole di Domenicali «La Mercedes è un team che ha fatto un lavoro estremo per questo campionato» ma sono sicuro che anche la rossa non sarà da meno e i nuovi tempi sono coerenti con le norme entrate in vigore. Bisogna legare la potenza del motore termico con quello della power-unit e sistemi vari, fare un giro veloce in gara non servirà a nulla se poi al traguardo ci arrivi con il carroattrezzi e l’importante sarà gestire l’insieme di ogni componente ma questo si scoprirà dopo le prime gare. – Infine c’è spazio anche per l’ultima della classe – La Red Bull ha gravi problemi e ritardi ma si riprenderà anche se le occorreranno alcune gare».

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Gaetano Lucchina

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Vige il silenzio sul tragico incidente di Jules Bianchi

Durante il Gran Premio del Giappone del 2014, sotto una pioggia spaventosa, ...