Home / Formula 1 2014 / Chris Horner VS Flowgate: «Possiamo vincere la causa»

Chris Horner VS Flowgate: «Possiamo vincere la causa»

Tra quattro giorni ci sarà il secondo appuntamento del campionato che si terrà in Malesia e probabilmente per quell’occasione la Red Bull non parteciperà all’evento, visto che la scuderia ha deciso di dare forfait per protesta verso la FIA. La federazione aveva sanzionato Ricciardo per avere superato il limite del carburante imposto a 100. La versione della FIA è quella di aver detto al muretto della Red Bull di far rallentare Ricciardo perchè i suoi valori erano sballati ma la casa austriaca aveva risposto che non c’era niente di errato e che la colpa era della federazione. Così il 14 aprile ci sarà l’udienza per decidere se convalidare e omettere la pena. La scuderia di Horner si presenterà in tribunale con l’intento di far dimostrare che il consumo della monoposto è in linea con tutte le altre e il team principal della Red Bull ne ha parlato in un’intervista: «Abbiamo presentato l’appello perchè pensiamo, e sicuramente abbiamo ragione, di non aver disobbedito alle regole e di non aver oltrepassato il limite imposto. Per questo abbiamo presentato un appello e possiamo fornire delle ottime prove per liberarci da questo intoppo».

Tutto questo è stato detto alle colonne di Sky sport news: «La discussione che sta avvenendo è stata creata solo da una falsa lettura. Nelle nostre monoposto sono stati montati dei sensori che non siano pienamenti esatti sulle letture che esegueno, mentre dalla nostra parte c’è un sistema ben costruito e calibrato di cui non è stato modificato per tutto il weekend passato visto che non ha presentato difetti quando a fine gran premio sono stati effettuati»

E’ anche vero che non solo sulla Red Bull sono state rilevate anomalie sulle rispettive vetture, infatti nella gara corsa nella città australiana anche le Ferrari hanno accusato problemi di malfunzionamento al KERS e le anomalie non erano per colpa della casa italiana. «La nostra tesi è semplice: noi  non abbiamo trasgredito ad alcun regolamento o norma tecnica e che il flusso consentito dalla federazione non è stato superato ma è lo stesso sensore che la FIA ci ha fornito che emette letture errate. In queste situazioni, come anche accaduto in passato, non si riescono a leggere in modo chiaro tutte le restrizioni e direttive e di conseguenza l’unico che potrà sancire il verdetto è il giudice sportivo. Se si deve essere fiscali allora bisogna nominare il punto 5,14 del regolamento tecnico che dice esplicitamente che non si deve surclassare il limite dei 100l/h di flusso del carburante e le regole noi le rispettiamo perchè il limite non è stato superato e di questo ne siamo fermamente convinti».

 

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Gaetano Lucchina

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Vige il silenzio sul tragico incidente di Jules Bianchi

Durante il Gran Premio del Giappone del 2014, sotto una pioggia spaventosa, ...