Home / Formula 1 2014 / Piloti e marketing. Quando la propria immagine fa la differenza

Piloti e marketing. Quando la propria immagine fa la differenza

In F1, si sa, oltre al talento è sempre servito qualcos’altro. Principalmente soldi, ovvero sponsor. E quando questo venne compreso, ecco che le carrozzerie delle monoposto, le tute e i caschi dei piloti vennero esposte a una mitragliata di adesivi, cuciture, disegni vari che sponsorizzavano tutto e il contrario di tutto. Bene, per molti anni il business della F1 andò avanti così. Ora, però, ci troviamo nell’era dell’immagine e della comunicazione. Sarebbe forse possibile per un moderno pilota affidarsi ai vecchi mezzi per avere un budget decente e degno di un campionato di F1? No di certo. Tanto più che i famosi sponsor bisogna andarseli a cercare. E come? Semplice. Usando la propria immagine. Facendo marketing.

Le prime operazioni in tal senso apparirono con l’avvento di manager spregiudicati e con uno spiccato senso del marketing. Nei primi anni ’90 Flavio Briatore rivoluzionò il business delle sponsorizzazioni usando i piloti e la loro immagine. Anche gente ritrosa come Schumacher dovette partecipare ad eventi organizzati nel paddok per attirare sponsor e finanziamenti. Gli stessi eventi che, 20 anni dopo, convincono i team a spendere milioni di dollari in faraonici motorhome in cui ospitare i propri “guest” e in cui sfruttare anche l’immagine dei propri piloti. C’è, poi, chi, come Coulthard, è stato particolarmente abile a diventare l’uomo immagine di ben due case: la Mercedes e la Red Bull.

Ad ogni modo, tutto ciò venne rivoluzionato dall’avvento di internet. Allora iniziarono a spuntare come funghi i primi siti dedicati agli idoli del volante e reclamizzati, quasi sempre, lungo le mentoniere dei loro caschi. I siti non erano sempre aggiornatissimi ma, vabbè, ci si accontentava. Adesso anche il sito web è da considerare superato. Viviamo nell’epoca dei social network e i piloti odierni appartengono a questa generazione. Così vediamo che, all’interno della griglia di partenza che si schiererà a Melbourne, solo Raikkonen e Vettel non hanno un account Twitter. Tutti, però, hanno una fan page su Facebook. Che dire poi dell’uso che Alonso fa di Twitter? Vi ricordate la famosa foto ironica con lui e Webber a lume di candela in un ristorante? E la cosiddetta selfie dal podio di Monza? Anche attraverso queste tecniche ci si accattiva il pubblico.

Alonso non è l’unico. Button è un altro gran protagonista su Twitter. Tuttavia, se dobbiamo parlare del pilota più da “marketing” del mondiale di F1, quello sicuramente è Lewis Hamilton. Il britannico, oltre a far ampio uso dei social, è anche protagonista di numerosi spot, specie in paesi anglofoni, offre la sua immagine per numerose sponsorizzazioni e, la sue vicende amorose con la cantante Michelle Scherzinger lo hanno inserito, di diritto, nel mondo del gossip. Inoltre è sempre molto attento allo stile e alla moda. Chi lo segue da vicino è Nico Rosberg, suo compagno si scuderia e di… sponsor. I due, infatti, hanno recitato insieme durante la sponsorizzazione di un modello della Mercedes.

Infine, sebbene restio, come abbiamo già scritto sopra, anche Iceman Kimi Raikkonen si è dovuto piegare alle leggi del marketing ed offrire il suo volto per la reclamizzazione di uno shampoo di una nota azienda leader nel settore. Non è stata la prima volta: già durante la sua prima esperienza in Ferrari fu costretto ad affrontare i consueti appuntamenti che la Ferrari organizza coi suoi sponsor a Madonna di Campiglio durante la pausa invernale.

Qui di seguito, c’è la lista di tutti siti web dei piloti impegnati nel campionato 2014:

LEWIS HAMILTON – http://www.lewishamilton.com/
SEBASTIAN VETTEL – http://www.sebastianvettel.de/
ROMAIN GROSJEAN – http://www.romaingrosjean.com/
NICO ROSBERG – http://www.nicorosberg.com/
FERNANDO ALONSO – http://www.fernandoalonso.com/
KIMI RAIKKONEN – http://www.kimiraikkonen.com/
NICO HULKENBERG – http://www.nicohulkenberg.net/
KAMUI KOBAYASHI – http://www.kamui-kobayashi.com/
SERGIO PEREZ – http://sergioperez.mx/
JENSON BUTTON – http://www.jensonbutton.com/
FELIPE MASSA – http://www.felipemassa.com.br/
PASTOR MALDONADO – http://www.pastormaldonado.com/
ADRIAN SUTIL – http://f1adriansutil.com/
KEVIN MAGNUSSEN – http://kevinmagnussen.com/
DANIEL RICCIARDO – http://www.danielricciardo.com/
JEAN ERIC VERGNE – http://www.jeanericvergne.com/
JULES BIANCHI – http://www.jules-bianchi.com/
MAX CHILTON – http://www.maxchilton.com/
MARCUS ERICSSON – http://www.marcusericsson.com/
ESTEBAN GUTIERREZ – http://www.estebangtz.com/
VALTTERI BOTTAS – http://www.bottasvaltteri.com/

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Giuseppe Lucera

Giuseppe Lucera
Mi chiamo Giuseppe Lucera, ho 35 anni e sono un docente d'inglese specializzato sul sostegno. Sono da sempre appassionato d'automobilismo. Seguo di tutto, dalla F1 alla 24 ore di Le Mans, passando per i rally e, anche, gli slalom locali. Grande appassionato di kart, quando posso, mi diletto in competizioni riservate ai kart 4t

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

jules-bianchi

Formula 1 | Vige il silenzio sul tragico incidente di Jules Bianchi

Durante il Gran Premio del Giappone del 2014, sotto una pioggia spaventosa, ...