Home / Formula 1 2014 / Schumacher, troppi interrogativi e pochi fatti. Un testimone: «Sciava a venti all’ora»

Schumacher, troppi interrogativi e pochi fatti. Un testimone: «Sciava a venti all’ora»

Sesta notte d’ospedale a Grenoble per Michael Schumacher. Il sette volte campione del mondo è ancora in coma farmacologico dopo la terribile caduta che lo ha visto protagonista il 29 dicembre sulle nevi di Méribel. Il tedesco, salvato dal casco, accessorio poco consono agli adulti sulle piste da sci, è caduto sbattendo la testa contro una roccia, probabilmente per andare in soccorso di una bambina, figlia di un amico, che stava scendendo col gruppo di Schumacher. Fino a lunedì non ci sarà nessun bollettino medico, tranne nel caso di evidenti miglioramenti o peggioramenti. Niente cambia nel quadro clinico di Michael: le condizioni del 45enne sono sempre critiche ma stabili e potrebbero passare anche dei mesi prima che il sette volte campione del mondo possa essere risvegliato dal coma farmacologico.

Tanti, forse troppi, sono gli interrogativi che girano intorno al dramma che ha colpito la famiglia dell’ex ferrarista, uno di questi è proprio la velocità. Se nei giorni immediatamente successivi all’incidente il Times aveva ipotizzato che l’ex pilota scendesse a una velocità superiore ai 60 chilometri orari, perdendo inevitabilmente il controllo, nelle ultime ore si sta facendo più forte un’altra ipotesi. Schumacher non stava utilizzando un paio di sci non suoi, aveva decisi di affittarli. La Bild ha ipotizzato che la costruzione di quest’ultimi sarebbe da considerarsi difettosa in quanto, al momento della caduta, gli attacchi degli sci che non si sarebbero aperti, come invece generalmente accade.

Secondo le ultime indiscrezioni trapelate dalle autorità che stanno cercando di fare luce sull’incidente di Schumacher, il quotidiano tedesco Der Spiegel, avrebbe in mano un nuovo video che mostrerebbe chiaramente la dinamica della caduta. Il filmato è stato girato da un 35enne di Essen, che di lavoro fa l’assistente di volo, in vacanza a Meribel con la fidanzata. Il turista, col proprio cellulare, stava inquadrando la discesa della compagna, quando nelle sue immagini sarebbe rimasto ripreso anche il rovinoso incidente del sette volte campione del mondo. Il 35enne ha consegnato il video agli investigatori: luogo e ora corrisponderebbero con la caduta di Schumacher che secondo il turista stava sciando a circa 20 chilometri orari.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 28 anni e sono di Genova. Dopo il liceo linguistico ho iniziato a studiare comunicazione nella speranza di realizzare il mio sogno di diventare giornalista. Vivo sempre con la testa sulle nuvole, mi piace scrivere e sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Per il resto sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle. Sono una selezionatrice: se è vero che «gli amici sono la famiglia che scegli», quelli veri li conto sulle dita di una mano ma il mio motto è 'meglio pochi ma buoni'.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.
x

Vedi anche

Formula 1 | Vige il silenzio sul tragico incidente di Jules Bianchi

Durante il Gran Premio del Giappone del 2014, sotto una pioggia spaventosa, ...